CotoBurger, il panino con la cotoletta che si crede un hamburger

Panino con la cotoletta: seconda puntata. Prosegue il viaggio tra le diverse ricette per reinterpretare il più famoso panino italiano. Ok, è primavera e il panino e il pranzo all’aperto stanno per diventare protagonisti indiscussi della stagione, delle scampagnate fuoriporta, dei picnic. Con lo chef Stefano De Gregorio ci siamo divertiti a reinventarlo (cioè, è tutto merito suo, io ho solo ripreso) e a ogni versione sarà dedicato un post.

Siamo partiti dal classico panino con cotoletta, ma vi vogliamo accompagnare verso la bella stagione con tante idee diverse per gustarvi ogni volta il vostro pane e cotoletta con nuove combinazioni.

Oggi vi parlo del CotoBurger: ChefDeg lo ha rinominato così. Ci piace tanto, è uno dei miei preferiti (ma non il mio preferito, di quello vi parlerò settimana prossima nella terza puntata) perché all’interno delle fette di pane ha la nostra bella fettina panata a dovere e un sacco di altri ingredienti “rubati” al suo cugino hamburger, combinati per esaltare al meglio la carne di vitello impanata.

Leggi anche:
Se la cotoletta non è tradizionale: 5 cotolette insolite e come prepararle
5 posti dove mangiare la migliore cotoletta di Milano

E’ una ricetta semplice e facile ma anche ricercata, visto che è ricchissima di ingredienti buoni che donano un tocco di dolcezza, come le cipolle di Tropea caramellate che rendono ogni morso davvero una sorpresa. Un vero e proprio panino gourmet con anche bacon grigliato e cetriolo.

Leggi anche:

La cipolla caramellata, tutti i modi per prepararla, le ricette e i consigli

Al posto del pane casareccio ad esempio troviamo le fette rotonde di pane con i semi di sesamo, come quelle che si usano per fare gli hamburger, soffici ma consistenti. Se vi va provate anche la versione integrale, che secondo me si sposa bene con il gusto dolce della cotoletta.

Cotoburger: la ricetta del panino con la cotoletta che sembra un hamburger

Come farlo? Semplicissimo: adagia sulla base di una fetta un po’ di salsa di pomodoro o ketchup. Ti senti ispirato, prova nuove combinazioni con altre salse!

Sopra appoggia la fettina di cotoletta e una fettina di formaggio non troppo stagionato, come scamorza non affumicata, asiago fresco, caciocavallo fresco, Piave. Aggiungi un paio di fette di pomodoro fresco tagliate non troppo sottili (a me piace anche se lo griglio un minuto, solo per intiepidirlo, prima di metterlo). Sopra il pomodoro, aggiungi qualche cucchiaio di cipolle caramellate e un paio di strisce di bacon che avrai precedentemente scottato in una padella antiaderente (serve solo ben calda, senza olio) in modo da essere diventate più croccanti e asciutte.

Metti qualche foglia di lattuga croccante fresca, lavata e asciugata bene. Infine, il tocco da maestro: sopra questa “pila” di ingredienti, metti un uovo cotto al tegamino, all’occhio di bue.

PS. Non sai come caramellare la cipolla?  Puoi sostituire con cipolle semplicemente stufate oppure, metti in una padella con un po di olio le cipolle di Tropea affettate e sbucciate. Falle cuocere finché non sono morbide, aggiungi un cucchiaino di zucchero e continua a cuocere finché non risultano dorate. Sono un contorno ottimo anche per le bistecche o il purè.

N.B. – Ora puoi chiudere il tutto con la seconda fetta di pane ed è fatta! Se devi portare via questo manicaretto, incartalo con carta oleata o assorbente e poi di alluminio. Non mi piace mettere subito i fogli di alluminio a contatto con sostanze come i pomodori, perché l’acido del pomodoro potrebbe, se resta a contatto prolungato a temperatura ambiente, o comunque non refrigerata, potrebbe favorire il passaggio del metallo nell’alimento. Una piccola accortezza che non fa male e non costa nulla.

Ovviamente il segreto per la riuscita perfetta di questa “schiscetta” sfiziosa, oltre a scegliere ingredienti freschi e di qualità, è preparare una cotoletta a regola d’arte.

Alcune preziose indicazioni per la ricetta le trovate in questo post che vi parla di come preparare la vera cotoletta alla milanese doc.

Intanto alcune pillole per la preparazione, panatura e cottura ve le inserisco anche qui: innanzitutto, prima di introdurre le fettine nella padella assicurati che il burro chiarificato (si farebbe con questo) o l’olio siano ben caldi, altrimenti il rischio è di ottenere una cotoletta inzuppata di olio.

Cerca di fare attenzione anche alla panatura: deve essere integra e uniforme, altrimenti durante la cottura il burro rischia di insinuarsi al di sotto e di sprizzare unto una volta tagliata. Invece ricorda: la cotoletta, pur fritta, non deve mai mai dare sensazione di unto eccessivo. Se è così, si è sbagliato qualcosa.

Tornando al panino, questo è perfetto da accompagnare con un buon bicchiere di vino novello o anche una birra leggera. Ottimo per un picnic fresco ma goloso, concludere con una bella macedonia di fragole, limone e zucchero o fragole con panna!

picnic primavera

Quindi… che il picnic abbia inizio!

Al.Fa
Giornalista e blogger. Scrivo di viaggi ed enogastronomia. Mi piace raccontare il legame che unisce cibo e territorio. L'assaggio di un prodotto tipico può raccontare molto di un luogo in cui nasce, più di una guida turistica a volte!
http://www.vaquelpaese.com

Potrebbero interessarti anche...

One thought on “CotoBurger, il panino con la cotoletta che si crede un hamburger

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi