Dove mangiare fritto misto alla piemontese

dove-mangiare-fritto-misto-alla-piemontese
Foto di Martina

Si fa presto a dire fritto, ma tra le tante varianti italiane ce ne una che affonda le sue radici nell’antica cultura gastronomica contadina, quella fatta di tagli poveri, ingredienti semplici e creatività: sua maestà il fritto misto piemontese. Oggi voglio farvi scoprire cos’è e dove mangiare fritto misto alla piemontese.

Leggi anche:

5 posti dove mangiare un ossobuco strepitoso

Il fritto misto piemontese: luoghi, tradizioni di un’antica ricetta contadina

Vitello tonnato: un viaggio alla scoperta delle piole di Langa

Fritto misto piemontese: cos’è?

Prima di vedere dove mangiare fritto misto alla piemontese, facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire di che cosa si tratta. Un fritto salato e dolce che prevede tante piccole portate: ognuna con il suo sapore e la sua croccantezza. Oggi come una volta preparare un buon fritto non è facile perchè è necessario tempo, spazio e molta pazienza. In passato veniva preparato dopo la macellazione ed era un occasione per consumare i tagli più poveri come le animelle, rognoni o le cervella insieme alla famiglia, in un momento di comunione tra tutti gli abitanti delle cascina.

Fritto misto alla piemontese: ricetta originale

Foto di Debora Fracchia

Ogni famiglia conserva gelosamente la propria ricetta del fritto misto alla piemontese: i tagli, i piccoli segreti e i trucchi per la frittura perfetta. Sicuramente le portate devono essere tante, ma variabili – a seconda della disponibilità  degli ingredienti  – come spesso accade nelle ricette di una volta. La ricetta originale del fritto misto alla piemontese prevedeva molte più parti povere come granelli (i testicoli) e il sanguinaccio, che oggi si trovano raramente ma si possono ancora trovare filoni, polmoni e animelle, a cui sono aggiunti i tagli più pregiati come la fettina. Oggi la ricetta del fritto misto piemontese si prepara con:

  • Rognoni
  • Cervella 
  • Filoni
  • Animelle
  • Polmoni
  • Fegato
  • Fettina
  • Costoletta d’agnello
  • Salsiccia
  • Zucchina/Carciofo/ Cavolfiore /Funghi Porcini (varia a seconda della stagione)
  • Carota
  • Zucca
  • Semolino Dolce al profumo di limone
  • Amaretto
  • Mela 

Fritto piemontese: il segreto è la croccantezza

dove-mangiare-fritto-misto-alla-piemontese-2
Fritto misto piemontese del Ristorante Campagna Verde – Foto di Convivium Recensioni

Ogni taglio di carne deve essere pulito, porzionato, ma soprattutto impanato nel modo giusto. Le mele ad esempio vengono pastellate, la salsiccia invece viene ricoperta da un leggero strato di farina, al contrario dell’amaretto che invece viene impanato nell’uovo e pangrattato. Ogni pezzo inoltre ha bisogno da specifica cottura, per questo è necessario preparare diverse padelle di olio per la frittura o come nel caso della costoletta di agnello anche di burro. Le interiora infatti dovranno essere cotte insieme per non rilasciare sapori nel grasso. Preparare quindi un buon fritto è un’operazione molto lunga e complessa, motivo per cui nel tempo le famiglie lo preparano sempre più raramente, così come i ristoranti che lo propongono sempre più sporadicamente e ormai nessuno lo propone come piatto fisso del menù.

Dove mangiare il fritto misto alla piemontese

Trovare il fritto misto nel menù è ormai una missione impossibile, però alcuni ristoranti lo propongono spesso oppure fanno eventi speciali in cui servono un fritto misto piemontese completo, dall’antipasto al dolce: ecco dove mangiare un fritto misto alla piemontese da leccarsi i baffi!

Campagna Verde – Castiglione Tinella
Una classica osteria di Langa, spesso nel loro menù il tradizionale fritto misto alla piemontese, assolutamente imperdibile!

Trattoria Aquila Nera – Monterosso Grana
Un’antica locanda dell’800 per i viandanti, nella zona del Castelmagno, un ottimo luogo dove assaporare il fritto misto durante una gita tra i caseifici locali! Seguite la pagina di Facebook per rimanere aggiornati sulla prossima giornata del fritto.

Ristorante il Centro – Priocca
Una stella Michelin per questo ristorante che saputo coniugare la cucina tradizionale piemontese con l’innovazione. Il fritto misto è uno dei loro piatti simbolo, insieme alla finanziera. Va prenotato con largo anticipo e c’è una lista d’attesa, ma vi assicuro che ne vale la pena.

Il Belvedere – Montà d’Alba Spesso nel menù il loro fritto misto piemontese: un ottimo posto dove godersi questo piatto tradizionale con una vista mozzafiato sulle colline del Roero.

Se invece volete vivere l’aspetto più autentico e folkloristico del fritto misto ogni anno a Portocomaro in Provincia di Asti a Giugno e a Torre San Giorgio (CN) in Aprile c’è la sagra del fritto misto alla piemontese.

Valentina Barone
Mescolatrice compulsiva di risotto e viaggiatrice instancabile: mi piace scoprire ed esplorare il mondo attraverso ingredienti e sapori. Cucino per passione, assaggio tutto per vocazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi