Il menù per la vigilia e il pranzo di Natale 2020

Il Natale sta per bussare alle porte e non possiamo farci trovare impreparati: urge iniziare a pensare al menù per la vigilia e per il pranzo di Natale

Il 2020 è stato un anno molto particolare e molto probabilmente anche la vigilia di Natale sarà diversa dagli scorsi anni. Diversa che non vuol dire meno gioiosa, meno bella, meno buona. Al contrario, ci meritiamo un cenone ancora più ricco, dove potersi godere ogni tipo di prelibatezza.

Ecco perché abbiamo voluto proporvi tutte le migliori ricette per la vigilia di Natale per un menù natalizio ancora più scintillante. Abbiamo preparato per voi non uno ma ben due menù pregni di atmosfera natalizia: uno per chi preferisce i piatti della tradizione e un secondo per chi vuole cimentarsi in originali rivisitazioni.

Menù vigilia di Natale 2020 della tradizione 

Aperitivi e antipasti di Natale

Per un antipasto in linea con la tradizione, non potevamo non proporre il classico vitello tonnato. Nella sua ricetta classica e nelle rivisitazioni più varie, come quella con il mascarpone, quella con l’avocado o quella con il topinambur, il vitello tonnato è un piatto semplice e tipico a cui non si può rinunciare. Per la preparazione fatevi dare un bel pezzo già pulito di girello (magatello), scottatelo in padella da tutti i lati e poi terminate la cottura in forno. Lasciatelo molto rosa all’interno.

Se avete già previsto molte cotture e piatti elaborati per primo e per secondo, allora potreste preferire un antipasto freddo da preparare con largo anticipo e servire al momento giusto senza dover stare davanti ai fornelli. In questo caso, sarà meglio puntare tutto sulla qualità della carne. Scegliete un taglio di carne pregiato come un filetto, un girello o uno scamone e preparate un carpaccio marinato semplicemente con olio, sale, pepe e succo di limone.

Con gli stessi tagli potete servire una tartare tagliata al coltello e condita con senape, salsa Worchester, olio e succo di limone.

Per un aperitivo di Natale in pieno stile, potete anche preparare uno dei piatti classici delle Feste: il patè di fegato da spalmare sui crostini e accompagnare rigorosamente con delle bollicine di Champagne o Franciacorta, per sgrassare la bocca. Seguite la ricetta qui sotto se non volete sbagliare.

Primi piatti di Natale

La tradizione, si sa, ha il suo peso e noi non vogliamo certo andarle contro, soprattutto quando si tratta di un piatto così tanto amato (anche da noi). Perciò, non possiamo che citare i classici tortellini in brodo e proporvi questa rivisitazione con la ricetta dei tortelloni in brodo di vitello.

Per rimanere sempre in tema di Emilia Romagna, ma proporre un piatto leggermente più leggero e magari adatto anche ai più piccolini, nomineremo anche i classici passatelli in brodo, da preparare anche nella versione asciutta ai funghi.

Secondi piatti natalizi

Per un secondo piatto di carne perfetto per il pranzo di Natale, ecco lo stinco di vitello al forno con patate. Da innaffiare con un buon bicchiere di vino rosso e cuocere lentamente la mattina, in modo poi da dargli qualche ora per riposare.

Se decidete per un piatto unico che vi permetterà anche di saltare il primo, scegliete un brasato di vitello vino rosso e servitelo adagiato su un letto di polenta. Poi prendete tutte le verdure del fondo di cottura, trasferitele nel bicchiere di un mixer e frullatele per ottenere una crema omogenea. Usatela poi per condire e ancora di più il vostro piatto ricco e saporito.

Per un altro piatto da re e regine, potete preparare un Gran Bollito misto alla piemontese. Gli ingredienti segreti per prepararlo sono pazienza e tempo. Il bollito, in effetti, è un vero e proprio piatto slow. A ogni taglio serve il proprio tempo di cottura e questa deve essere per tutti lenta e dolce in modo da ottenere carni dalla consistenza perfetta.

Per un piatto tipico e dalla doppia sorpresa, potete preparare il filetto in crosta. Morbido e succoso dentro, croccante e avvolgente fuori, con il filetto in crosta preparate un piatto facile ma davvero consistente.

Oltre al filetto, nella crosta potete preparare anche un delizioso arrosto.

Dolci della tradizione

E per finire, non si può che chiudere con un dolce della tradizione natalizia. Dal tronchetto al bonnet, dalla cassata agli struffoli, fino a qualche crema e rivisitazione particolare per servire pandori e panettoni. Non perdetevi la raccolta sfiziosa di tutti i dolci di Natale da preparare quest’anno.

Menù vigilia di Natale 2020 alternativo

Per un menu di Natale alternativo e più gourmet, potete sbizzarrirvi in preparazioni che sì, potrebbero richiedere più tempo del solito, ma sicuramente non richiedono strumenti o capacità particolari.

Antipasti gourmet perfetti per Natale

Per esempio, per un Natale sfizioso potete preparare queste cialde di riso rosso, da usare come piatto per servire una deliziosa tartare di vitello e maionese al tartufo.

Sempre rimanendo in tema di tartare, anche questa ricetta spiritosa è una idea perfetta per iniziare bene il vostro menù di Natale. Con la battuta di vitello in biscotto di frolla salata su crema al formaggio dello chef Carlo Molon deliziate i più grandi e fate giocare i più piccoli che si divertiranno senz’altro a mangiare con le mani.

Per un antipasto di pesce gourmet, puntate a ingredienti di qualità e lasciateli a crudo. Ad esempio, con la ricetta degli scampi crudi su croccante di vitello preparate un piatto croccante e saporito, dal contrasto super originale ma delicato al tempo stesso.

Primi piatti di Natale gourmet

Ecco un altro modo ancora di rivisitare un piatto della tradizione come i tortellini in brodo con un vero e proprio attacco d’arte, con i tortelloni ripieni di coda di vitello su crema di spinaci.

Se siete sempre in vena di pasta ripiena, per il vostro primo piatto natalizio, provate questi ravioli di pasta fresca con ripieno di vitello, caprino e marsala.

Secondi gourmet per Natale

Per un secondo di carne natalizio davvero elegante, provate la ricetta del vitello all’olio dello chef Fabrizio Albini.

Preferite una ricetta più leggera e facilmente digeribile? Ecco le ballottine, ricotta e frutta secca.

Per un arrosto preparato e servito in maniera del tutto non convenzionale, ecco la ricetta dell’arrosto di controfiletto annegato, dello chef Fabrizio Albini.

Se volete cimentarvi nella cottura a bassa temperatura, provate la delicatezza di un magatello cotto a 57° C per 75 minuti con la ricetta del cubo di magatello, scarola e fagioli neri.

Dolci natalizi e gourmet

Dolce tipico della tradizione francese, ma amato in tutta Italia, ecco una rivisitazione goumet della tarte tatin, con la ricetta all’ananas dello chef Fabrizio Albini.

Sempre per rimanere in tema di dolci stranieri, anche la cheesecake può essere rivisitata in chiave gourmet. Con la cheesecake scomposta dello chef Marcello Valentino comporrete un percorso di gusto e sapori con cui accompagnerete il Natale gourmet dei vostri cari (che vi saranno grati).

Giulia Milani
Più brava a mangiare che a cucinare, amo raccontare la gastronomia attraverso le storie e le tradizioni. Viaggiare coniugando le bellezze del territorio con quelle della tavola è per me il modo migliore per conoscere una cultura.
https://ilvasodipandoro.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi