Gli spaghetti da cenone di Capodanno di Stefano De Gregorio
Porzioni Tempo di preparazione
4persone 30minuti
Tempo di cottura
30minuti
Porzioni Tempo di preparazione
4persone 30minuti
Tempo di cottura
30minuti
Ingredienti
Istruzioni
  1. Pulisco le cime di rapa, le faccio sbollentare in acqua salata, le scolo e le metto a raffreddare in acqua e ghiaccio. Poi le frullo aggiungendo un po’ di sale e l’olio extravergine di oliva. Copro il bicchiere del minipimer con un po’ di pellicola trasparente e lo metto in frigo, già pronto per essere trasportato.
  2. Quando è il momento di cucinare il piatto pulisco i gamberi (cioè tolgo carapace e teste) e li taglio a pezzetti piccoli.
  3. Penso al magatello di vitello. Lo taglio a pezzettini, lo scotto rapidamente in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva e uno spicchio di aglio.
  4. Prendo le mie cime di rapa frullate e le metto in una padella con il cucchiaio di salsa wasabi.
  5. Cuocio gli spaghetti in abbondante acqua salata.
  6. Una volta cotti, li scolo un filo al dente e proseguo la cottura versandoli nella padella col pesto. Se necessario, aggiungo in padella un mestolo di acqua di cottura della pasta.
  7. Come impiattare gli spaghetti del cenone di Capodanno? Questa è la parte più bella. Per fare un lavoro a regola d’arte seguo la regola che mi ha dato Chef Deg: prendo forchettone e cucchiaio e con l’aiuto di entrambi faccio un bel nido di spaghetti. Ci metto sopra i gamberetti e la dadolata di vitello. Aggiungo i germogli, i fiori, qualche goccia di olio al trombolotto e il finocchietto…e gli spaghetti diventano un giardino delle meraviglie che lascia a bocca aperta!
  8. Manca solo una cosa: il vino. Potremmo trasferirci in Puglia con un bel Rosato Salentino, magari da uve di Primitivo o Negraomaro. E buon 2016!