Come cucinare la tagliata per il tuo lunch box

Tagliata di vitello lunch box

Avete mai pensato di portarvi una tagliata di vitello come pranzo in ufficio? Scommetto che la risposta è no. Quando pensate al pranzo in ufficio di solito pensate a tristi insalatone, panini buonissimi come quello farcito e con senape e miele che ci ha preparato Licia Sangermano. Di certo il vostro primo pensiero a proposito di pranzo da ufficio non è la tagliata. Ma noi abbiamo deciso di farvi cambiare idea sia sulla tagliata che sul pranzo in ufficio in un colpo solo. Per riuscire bene in questa operazione delicata abbiamo chiesto l’aiuto dello chef Stefano De Gregorio che ha pensato per noi a una ricetta della tagliata che fosse perfetta per stare nella vostra schiscetta. Chiaramente siamo più che consapevoli che il risultato di questa tagliata di vitello sarà talmente sfizioso che vorrete riproporla anche alle cene con amici. In quel caso vi permettiamo di servirla su un piatto, e saltare per una volta la lunch box.

Come cuocere la tagliata

Preparare la tagliata è davvero molto semplice e gli accorgimenti per ottenere un risultato perfetto non sono molti. Per prima cosa abbiate cura di tirare fuori il pezzo di carne che andrete a cucinare con largo anticipo, in questo modo la carne sarà alla stessa temperatura, dal cuore alla parte esterna e faciliterete la cottura. Per favorire anche la reazione di Maillard, prima di mettere la carne in padella asciugate bene la superficie con della carta assorbente. Poi procedete con la salatura come vi abbiamo spiegato in questo articolo sulla salatura della carne. Facendo queste due operazioni aiuterete la carne a sviluppare una crosticina croccante intorno al taglio durante la cottura. La padella migliore per cucinare la tagliata e la padella di ghisa. La padella di ghisa aiuta a diffondere bene il calore. In alternativa usate una griglia ben calda. Perché padella e griglia siano calde al punto giusto per cuocere bene la vostra tagliata di carne, dovranno raggiungere la temperatura di 140°C. Per raggiungere questa temperatura lasciatele scaldare a fuoco alto per circa 4 minuti. Non è necessario aggiungere olio o burro durante la cottura della tagliata. Se volete ottenere una cottura perfetta per la tagliata, crosticina esterna con carne rosata all’interno, fate cuocere la carne per 4 minuti per lato. Una volta che la carne sarà cotta, copritela con dell’alluminio e lasciatela riposare per un paio di minuti avvolta dalla stagnola prima di tagliarla. Il taglio della tagliata è la fase forse più delicata. Per una tagliata perfetta la carne va affettata a fette spesse circa 1cm. Praticate tagli obliqui e non perpendicolari. Per farlo utilizzate un coltello molto affilato.

L’olio aromatizzato per accompagnare la tagliata

Il nostro chef Deg ha scelto di accompagnare la tagliata con un olio aromatizzato al rosmarino. Per prepararlo mettete un paio di rametti di rosmarino in una padella antiaderente ben calda con dell’olio extra vergine d’oliva. Lasciate scaldare bene l’olio in modo che possa catturare bene il sapore e il profumo del rosmarino. Fate molta attenzione a non far bruciare l’olio e il rosmarino, se dovesse succedere non cercate di salvare la situazione. Buttate via tutto e ricominciate da capo. Quando l’olio aromatizzato al rosmarino sarà caldo versatelo direttamente sulla carne. Fate un po’ di olio aromatizzato in più e mettetelo in un piccolo contenitore da portare in ufficio insieme al vostro lunch box per un condimento veloce prima di mangiare. Potete usare l’olio aromatizzato al rosmarino anche per condire le verdure grigliate che accompagnano la nostra tagliata di vitello: melanzane, carote, peperoni e pomodori.

Leggi anche:

L’arte della fettina di vitello: trucchi, segreti e ricette

Come marinare la carne: la guida definitiva

Print Recipe
Come cucinare la tagliata per il tuo lunch box
Tagliata di vitello lunch box
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Tempo di preparazione 20 minuti
Porzioni
persona
Tempo di preparazione 20 minuti
Porzioni
persona
Tagliata di vitello lunch box
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Prendete il pezzo di manganello che avete scelto per la ricetta e tiratelo fuori dal frigorifero almeno un’ora prima di cuocere la carne.
  2. Intanto preparate le verdure: tagliate le melanzane a tocchetti, pulite la carota e tagliatela a tocchetti. Fate la stessa cosa con il peperone pulito e con i pomodori. Cuocete le verdure in una capiente padella antiaderente con un filo d’olio extra vergine d’oliva caldo. Fatele abbrustolire bene. In alternativa potete preparare le verdure anche su una griglia ben calda. Salate e tenetele da parte.
  3. Salate la carne con il sale integrale grosso. Poi prendete una padella di ghisa e fatela scaldare bene su fuoco alto, ci vorranno almeno 4 minuti.
  4. Mettete la carne salata in padella e fatela cuocere per 4 minuti per lato.
  5. Togliete la carne dalla padella e mettetela a riposare per un paio di minuti su un piatto avvolta dalla carta stagnola.
  6. Eliminate la stagnola e con un coltello affilato tagliate la carne a fette oblique.
  7. In una padella antiaderente fate scaldare un rametto di rosmarino con l’olio extra vergine d’oliva. Fateli scaldare bene in modo che l’olio prenda tutto il sapore del rosmarino. Spegnete il fuoco.
  8. Condite la carne con pepe nero macinato fresco, sale in fiocchi e l’olio aromatizzato al rosmarino. Servite con le verdure.
Condividi questa Ricetta
Francesca Sponchia
Collezionista di grassi saturi e attivista per i diritti civili del burro. Rabdomante di piatti perfetti nei menu' dei ristoranti, nel tempo libero mangio ravioli crudi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi