Croccantino di cervello, Chef Deg omaggia Bottura

Una ricetta che più speciale non si può. Oggi prepariamo un antipasto molto buono, ma anche molto bello. Stefano De Gregorio ci regala infatti la sua ricetta del croccantino di cervella di vitello. Un piatto che colpisce già alla vista e che è un omaggio dichiarato a un grande maestro della cucina italiana: Massimo Bottura.

croccantino di cervella di vitello ricetta

Cervella di vitello: il taglio da riscoprire

Il cervello non è certo il primo taglio che ci viene in mente quando vogliamo prepararci qualcosa di buono. Anzi, a molti in un certo senso fa quasi impressione. In realtà le cervella di vitello sono parte della nostra tradizione gastronomica. Le famose frattaglie – chiamate anche quinto quarto – una volta erano protagoniste solo sulle tavole dei più poveri, che però sapevano come cucinarle in maniera gustosa! Ora, negli ultimi anni, sono tornate al centro dell’attenzione anche grazie al lavoro di molti chef.

Bollito con una buona salsa d’accompagnamento è un classico, ma il cervello si può fare anche fritto e impanato. I contorni e la cura con cui trattiamo le cervella faranno la differenza! Per saperne di più puoi leggere la nostra scuola di cucina: Reimpariamo a cucinare le frattaglie: cervella di vitello.

croccantino di cervella di vitello ricetta

Ma su Sfizioso trovi altri modi per preparare questo gustoso taglio. Nella ricetta di Nicola Batavia puoi mangiarlo con peperone crusco e piselli, mentre Valentino Cassanelli lo cucina insieme a linguine con barbabietole e pomodori confit. Davide Caranchini invece prepara il cervello di vitello con ribes, finferli e camomilla; Marco Sacco lo abbina invece a un altro taglio di quinto quarto, il cuore, in un piatto dal titolo: Cuore e Cervello.

Il croccantino di Chef Deg: omaggio a Massimo Bottura

Uno dei piatti simbolo dello chef dell’Osteria Francescana (3 stelle Michelin) Massimo Bottura è il croccantino con il foie gras con un cuore di aceto balsamico. In questa ricetta con cervella di vitello, Stefano De Gregorio ha omaggiato il piatto del grande chef modenese nell’idea e a livello strutturale, ma ne ha modificato quello che è l’ingrediente principale.

Perché, secondo Chef Deg…

il cuoco oltre ad avere una buona mano deve avere anche tanto cervello

croccantino di cervella di vitello ricetta

Ovviamente nel cuore del croccantino, Stefano De Gregorio ha mantenuto quello che è uno degli ingredienti simbolo del territorio di Massimo Bottura: l’aceto balsamico di Modena.

Ecco la ricetta di questa bontà!

Print Recipe
Croccantino di cervello: ricetta
La ricetta del croccantino di cervella di vitello di Stefano De Gregorio. Un piatto che omaggia il celebre croccantino di foie gras e aceto balsamico di Massimo Bottura.
croccantino di cervella di vitello ricetta
Voti: 1
Valutazione: 5
You:
Rate this recipe!
Piatto Antipasto
Porzioni
persone
Ingredienti
Piatto Antipasto
Porzioni
persone
Ingredienti
croccantino di cervella di vitello ricetta
Voti: 1
Valutazione: 5
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Lavare sotto abbondante acqua fredda le cervella.
  2. Sbollentare le cervella in acqua salata, con foglia di alloro e succo di mezzo limone. Poi raffreddare.
  3. Tritare le cervella a coltello insieme alla patata lessa. Aggiungere parmigiano, sale, pepe e uovo.
  4. Riempire quindi per metà uno stampino per gelati.
  5. Aggiungere le perle di aceto balsamico, quindi coprire.
  6. Abbattere in negativo.
  7. Panare in uovo e pane panko.
  8. Friggere.
Condividi questa Ricetta
Simone Pazzano
Curioso prima di tutto, poi giornalista e blogger. E questa curiosità della vita non poteva che portarmi ad amare i viaggi e il cibo in ogni sua forma. Fotocamera e taccuino alla mano, amo imbattermi in storie nuove da raccontare.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi