Cuore e cervello, un piatto di Marco Sacco

Marco Sacco Cuore e cervello di vitella

“Mi piace divertirmi e far divertire fa parte del mio lavoro:
è il mio modo di esprimermi, il ristorante diventa condivisione,
partecipazione tra me e il mio pubblico.
Tutto diventa teatrale e lo spartito lo decido io.
Guardate, annusate, assaggiate, ascoltate, si va in scena.”

Sono passati quarantré anni da quando lo chef Marco Sacco ha aperto il suo Ristorante Piccolo Lago, a Verbania, in Piemonte. Figlio d’arte, Marco Sacco è appassionato di cucina dall’età di 9 anni e si ricorda del ristorante dei suoi genitori e della meraviglia che provava al pensiero di farne parte un giorno. Dopo l’apertura del suo ristorante è stato un miglioramento continuo. Nel 2004 il primo grande riconoscimento con la stella Michelin, seguita dalla seconda nel 2007. E ormai sono dieci anni che le stelle vengono confermate.

Un tavolo nella veranda e vi sembra di essere sospesi sullo specchio argentato dell’acqua del Lago Maggiore. Appena entrati non si può fare a meno di incollarsi al vetro che separa il ristorante dalla cucina.

Dietro ai fornelli del Piccolo Lago, il suo ristorante sulle sponde del lago di Mergozzo, Marco Sacco è diventato un vero e proprio narratore gastronomico: i piatti del suo menù raccontano una storia, anzi tante storie, la sua e quella di tutte le persone che in questi anni sono passate dal Piccolo Lago, lasciando il proprio segno, piccolo o grande che fosse. Nessun menù à la carte, dunque, ma solo degustazioni – quattro, per la precisione – che con un linguaggio fatto di materia prima e territorio, ricerca e memoria, accompagnano gli ospiti del ristorante alla scoperta del Piccolo Lago e del suo universo.

I menu degustazione: i percorsi di Marco Sacco

  1. Il percorso delle due Stelle. Questo è il menu degustazione fatto apposta per celebrare un decennio di due stelle Michelin. Dieci piatti che hanno fatto la storia di Marco Sacco e del suo ristorante.
  2. Cinque portate. Curioso ma…non troppo
  3. Otto portate. Già che ci siamo
  4. Undici portate. Mi ci tuffo

Cuore e cervello

Il piatto che impari a cucinare oggi si chiama Cuore di vitella a bassa temperatura, cervella di vitella impanate con farina di canapa, crema di cavolfiore al latte, cuore di cavolfiore grigliato, aceto di mele e fave. In breve, Cuore e cervello, Marco Sacco che ci insegna a cucinare due parti del famoso quinto quarto: cuore e cervella di vitella. Le cervella di vitello sono ricche di proprietà benefiche perché sono ricche di fosforo e potassio, ma bisogna fare attenzione a non abusarne, perché sono anche ricche di fosfolipidi e colesterolo. Anche il cuore è ricco di colesterolo, è un alimento più nutriente e meno grasso rispetto alla media di altri tagli di carne. Inoltre, si tratta di un alimento ricco di ferro, potassio e vitamine.

Print Recipe
Cuore e cervello, un piatto di Marco Sacco
Cuore di vitella a bassa temperatura, cervella di vitella impanato con farina di canapa, crema di cavolfiore al latte, cuore di cavolfiore grigliato, aceto di mele e fave. Cuore e cervello è un piatto di Marco Sacco che ci insegna a cucinare due parti del famoso quinto quarto: cuore e cervella di vitella.
cuore e cervello marco sacco
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Cucina Italiana
Tempo Passivo 12 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
Per i cubi di cuore:
Per le milanesine di cervello:
Per la crema di cavolfiore:
Per i cuori di cavolfiore:
Cucina Italiana
Tempo Passivo 12 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
Per i cubi di cuore:
Per le milanesine di cervello:
Per la crema di cavolfiore:
Per i cuori di cavolfiore:
cuore e cervello marco sacco
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
Per il cuore:
  1. Pulirlo e vaporizzarlo con l’aceto di mele,
  2. Imbustarlo con l’olio e sale e cuocere per 12 ore a 54°C.
  3. Squadrarlo ed ottenere 10 lingotti
Preparazione del cervello:
  1. Pulirlo, infarinarlo con farina 00, uova ed infine nel mix farina di canapa e pan grattato.
  2. Cuocerlo nel burro chiarificato.
  3. Preparazione crema di cavolfiore:
  4. Tagliare i ciuffetti esterni del cavolfiore, lasciando il cuore integro.
  5. Immergerli nel latte bollente e portarli a cottura, scolare e frullare solo i cavolfiori. Correggere di sale.
Preparazione cuori di cavolfiore:
  1. Tagliare i cuori a cubi da 4 cm, mettere sottovuoto con olio e sale, cuocerli a 80°C per 50 minuti a vapore.
Finitura e presentazione
  1. Porre la crema di cavolfiore su un lato del piatto e tirarla col
  2. cucchiaio, adagiare il cuore di vitello sul lingotto di cavolfiore su un lato del piatto e la crocchetta di cervella al suo opposto, guarnire con foglie di radicchio trevisano ed un pizzico di sale Maldon.
Condividi questa Ricetta
Alice Bignardi
Web Editor. Scopro l'Italia un ingrediente alla volta. Seguo gli chef in cucina e mi faccio raccontare tutti i loro segreti!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi