La ricetta della trippa alla fiorentina

trippa alla fiorentina

Oggi, siamo ai fornelli insieme a Roberto, un nostro caro amico livornese che vive a Fauglia e ha deciso di insegnarci a cucinare la trippa come la fanno dalle sue parti: alla fiorentina.

Seguendo i suoi consigli, imparerai a cucinare un piatto povero della tradizione toscana che viene preparato sin dai tempi dei greci e dei romani. La trippa alla fiorentina è una specialità che si prepara soprattutto d’inverno, perché si cucina in una sorta di zuppa con trippa e pomodoro, un po’ come si fa per tutte le frattaglie e le parti che compongono il quinto quarto. Lavare e cuocere la trippa è cosa lunga, ma è sempre meglio fare le cose con cura in cucina, ché alla fine ne vale sempre la pena.

La trippa alla fiorentina si prepara tagliando a listarelle la trippa dopo averla lavata e cotta e mettendola a soffriggere con un trito di cipolle bianche, aglio, sedano e carota; ma va bene anche solo il trito di cipolle. Dopodiché, si aggiungono i pomodori pelati e si lascia cuocere molto lentamente per un’oretta fino a che l’acqua della trippa e quella dei pomodori non sarà evaporata, lasciando una magnifica zuppa rossa che deve esssere condita verso fine cottura con sale, pepe e, se si vuole, peperoncino. Alcuni, per dare più sapidità al piatto, che di per sé è delicato, aggiungono anche il lampredotto, un altro pezzo di quinto quarto.

Questo è uno di quei piatti che diventano decisamente più buoni se mangiati il giorno dopo, magari con l’aggiunta di una grattugiata di parmigiano e un filo di olio extravergine.

tavolata trippa toscana
La trippa sarà opera di Roberto, ma l’accoglienza è curata da Cristiana, la moglie. Con i piatti neri la trippa immersa nel pomodoro risaltava ancora di più!

Come cuocere la trippa

Per cucinare la trippa è decisamente meglio prendere la trippa semilavorata intera, perché ha un sapore molto più buono di quella bianca già tagliata e precotta. Si tratta soltanto di fare qualche passaggio in più per pulirla bene e renderne il sapore più delicato. Considerane circa 200 g a testa, perché la trippa si riduce molto, e munisciti di un pentolone bello grande (come quello nella foto). Cuocila a fuoco lentissimo fino a che la salsa non si sarà ritirata abbastanza.

Come pulire la trippa

Per pulire bene la trippa, la si deve prendere e aprire e sbollentare in acqua e limone (o scorze d’arancia) per una trentina di secondi. Una volta sbollentata, la trippa deve essere scolata, aperta e, nella parte interna, raschiata con un coltello che elimini tutto l’eccesso. Dopodiché, la trippa va messa in un’altra ciotola e immersa in acqua fresca e scorze di limone e lasciata in ammollo per 30/45 minuti. A questo punto, la trippa va scolata, asciugata e tagliata a listarelle. Così, è pronta per essere cucinata.

Ecco la ricetta della trippa alla fiorentina!

Print Recipe
La ricetta della trippa
Oggi, impari a cucinare un piatto povero della tradizione toscana che viene preparato sin dai tempi dei greci e dei romani. La trippa alla fiorentina è una specialità che si prepara soprattutto d'inverno, perché si cucina in una sorta di zuppa con trippa e pomodoro, un po' come si fa per tutte le frattaglie e le parti che compongono il quinto quarto.
trippa alla fiorentina
Voti: 1
Valutazione: 5
You:
Rate this recipe!
Piatto Piatto unico
Cucina Italiana, Toscana
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
Piatto Piatto unico
Cucina Italiana, Toscana
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo Passivo 3 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
trippa alla fiorentina
Voti: 1
Valutazione: 5
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Tritare tutti gli odori con il basilico, metterli in una casseruola con evo sul fuoco e soffriggere moderatamente fino a fare dorare la cipolla.
  2. Aggiungere la trippa tagliata a striscioline e far cuocere per circa15 min.
  3. Alzare il fuoco e aggiungere mezzo bicchiere di vino e fare sfumare per 5 min.
  4. Quindi aggiungere la passata di pomodoro e il concentrato, abbassare il fuoco.
  5. Aggiustare di sale, aggiungere anche una macinata di pepe e far cuocere a fuoco lento per 45/50 minuti avendo cura di mescolare di tanto in tanto (nel caso dovesse attaccare aggiungere un ramaiolo di acqua calda).
  6. A fine cottura aggiungere una macinata di pepe, una grattata di noce moscata, il parmigiano grattugiato, le foglioline di mente.
  7. Mescolare a fuoco ormai spento e lasciare riposare.
Condividi questa Ricetta
Alice
Web Editor. Scopro l'Italia un ingrediente alla volta. Seguo gli chef in cucina e mi faccio raccontare tutti i loro segreti!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi