Milanesine di vitello con crema di asparagi

Milanesine di vitello sandra salerno

Hai voglia di mangiare una bella cotoletta, ma la classica orecchia di elefante con rucola e pomodorini è un po’ troppo impegnativa? Nessun problema, con le milanesine prepari delle gustose fettine di carne di vitello sottili e leggere, che diventano belle croccanti fuori e rimangono rosa e tenere dentro.

Cosa usare per friggere la carne

Tanto per cominciare, procurati una padella anti aderente, così non dovrai proprio immergere completamente la cotoletta nell’olio per cuocerla.

Inoltre, se le friggi nell’olio di vinacciolo, che non è altro che olio estratto dai semi dell’uva, le rendi più leggere rispetto a quelle cotte negli altri tipi di olio di semi. In mancanza dell’olio di vinacciolo, scegli comunque l’olio di semi di arachidi, che ha un punto di fumo più alto rispetto agli altri e, di conseguenza, brucia meno facilmente

Se vuoi alleggerire ancora di più la panatura delle tue milanesine, puoi usare il pane panko, un particolare tipo di pangrattato preparato con pane bianco tipico della cucina giapponese. Il pane panko è molto meno pesante del pangrattato perché non assorbe l’olio della frittura, ma si gonfia inglobando l’aria della frittura. Tra l’altro, si tratta di una preparazione che puoi fare facilmente a casa senza problemi, basta prendere il pane a cassetta bianco, tostarlo leggermente per toglierne tutta l’umidità e poi frullarlo.

Il taglio di carne per le cotolette

Che tipo di taglio di carne scegliere per le cotolette? La classica cotoletta alla milanese vuole un solo taglio: la costoletta di vitello con l’osso, che è un taglio che si ricava dalla lombata, parte pregiata del vitello che viene chiamata anche carré, da cui si possono ricavare bistecchine e braciole.

Gli asparagi: proprietà e benefici

Gli asparagi sono un ortaggio primaverile particolarmente ricco di fibre, sali minerali e vitamina C. Queste verdure, oltre a essere particolarmente delicate ma saporite, perfette per molti abbinamenti in cucina, favoriscono la diuresi e la digestione. Gli asparagi contengono, inoltre, la vitamina k che è una vitamina molto importante coinvolta nella coagulazione del sangue che, insieme alle fibre, diminuisce la possibilità dell’insorgere di malattie cardiovascolari. Infine, l’alto livello di antiossidanti svolge un’azione antinfiammatoria e il glutatione di cui sono ricchi protegge la pelle dai danni provocati dal sole e dall’inquinamento.

Cucinare gli asparagi è cosa semplice: l’importante è assicurarsi di tagliare via la parte finale del gambo che può risultare troppo dura e fibrosa. Poi, se proprio si vuole eliminare ogni ombra di filamento, si può scegliere di prendere un pelapatate e pelare, partendo dalla testa verso la fine del gambo, la parte più superficiale del gambo.

Dopodiché, non si deve far altro che cucinare gli asparagi in una pentola ampia con abbondante acqua bollente salata. E’ importante non far cuocere troppo gli asparagi, che altrimenti si ammollano e perdono facilmente la testa, la parte più buona e tenera. Una volta cotti – bastano, quindi, una decina di minuti, a seconda della grandezza degli asparagi – bisogna scolarli e metterli in una ciotola con acqua fresca e ghiaccio per bloccarne la cottura e mantenerne il verde vivo e brillante. Dopo ancora, gli asparagi vanno asciugati bene con un panno asciutto e pulito.

Gli asparagi si possono consumare interi, nel classico abbinamento con le uova al tegamino (intinti nel tuorlo!), oppure si possono frullare per ottenere una bella crema morbida e saporita. Se decidi di frullarli, tieni da parte un mestolo di acqua di cottura in modo da non dover usare troppo olio per ammorbidirli.

Print Recipe
Milanesine di vitello con crema di asparagi
Hai voglia di mangiare una bella cotoletta, ma la classica orecchia di elefante con rucola e pomodorini è un po' troppo impegnativa? Nessun problema, con le milanesine prepari delle gustose fettine di carne di vitello sottili e leggere, che diventano belle croccanti fuori e rimangono rosa e tenere dentro.
Milanesine di vitello sandra salerno
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Tempo di preparazione 40 minuti
Tempo di cottura 8 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Per la cottura delle milanesine:
Per la crema di asparagi:
Tempo di preparazione 40 minuti
Tempo di cottura 8 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Per la cottura delle milanesine:
Per la crema di asparagi:
Milanesine di vitello sandra salerno
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
Per preparare la crema di apsaragi:
  1. Per preparare una deliziosa crema di accompagnamento per le milanesine, prendi gli asparagi già sbollentati o cotti al vapore e, dopo averli tagliati a pezzettoni, mettili nel bicchiere di un mixer. Frulla gli asparagi con dell'olio extravergine di oliva, un pizzico di sale e mezzo cucchiaino di curcuma. Se la crema ti sembra troppo densa, aggiugni uno o due cucchiai di acqua, a seconda del tuo gusto. Quando avrai raggiunto la consistenza desiderata, trasferisci la crema in una ciotolina e mettila da parte a riposare.
Per preparare le milanesine:
  1. Per le milanesine, invece, prendi una boule e sbatti l'uovo con un pizzico di sale e pepe. Adesso, spargi del pangrattato su un piatto piano o un vassoio.
  2. A questo punto, passa le fettine di vitello prima nell'uovo e poi nel pangrattato in modo da impanarle per bene. L'uovo servirà da collante, quindi assicurati che siano ben cosparse.
  3. Adesso, in una padella non troppo grande (così non ti serviranno litri e litri di olio), fai scaldare bene l'olio di semi di vinacciolo e, una volta bollente, metti a cuocere le milanesine a due a due.
  4. Una volta cotte, trasferiscile su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
Per impiattare:
  1. Metti alla base del piatto la crema di asparagi e poi appoggiavi sopra le milanesine. Servile ben calde!
Condividi questa Ricetta
Sandra Salerno
Food blogger giramondo, torinese, appassionata di esotismo e tipicità locali. Crea storie e ricette sul suo sito, www.untoccodizenzero.it. Per Baldini & Castoldi ha scritto il libro "Asparagi, Bagoss e altre cose buone".
http://www.untoccodizenzero.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi