Mondeghili, la ricetta delle polpette milanesi

In tutta Italia le chiameremmo polpette, a Milano no. A Milano bisogna usare il termine giusto: mondeghili o mondeghini. Oggi parliamo infatti di un piatto tipico milanese, che ricorda molto le polpette ma che si differenzia nella preparazione per alcuni particolari importanti. I mondeghili milanesi sono un ottimo secondo di carne che può essere accompagnato da una leggera insalata o da patate condite anche con salsa di pomodoro. Ecco la ricetta di questo piatto tipico milanese di chef Stefano De Gregorio.

mondeghili-polpette-milanesi

Cosa sono i mondeghili

Quella dei mondeghili è una ricetta che nasce dalla cultura contadina di non sprecare nulla. La loro nascita è collocata a cavallo tra il XVI e il XVII secolo e sembra che la loro storia affondi le sue radici nell’epoca della dominazione spagnola a Milano. 

Pare infatti che il nome mondeghili derivi da un termine arabo che si è poi evoluto nello spagnolo “albondiga“. Era infatti usanza araba preparare sfere di carne trita e poi friggerle. Nel tempo l’espressione si sarebbe quindi trasformata nel milanese “mondeghilo”.

A dare una prima definizione di queste polpette alla milanese fu il letterato Franesco Cherubini, che nel suo “Vocabolario Milanese Italiano” del 1839 li descrive come delle “specie di polpette fatte con carne frusta, pane, uovo, e simili ingredienti”. Le più antiche ricette giunte fino a noi risalgono all’Ottocento e riportano, tra le materie prime, la patata, che inizia a diventare comune nelle cucine italiane solo nel Settecento. Si sa che fin dal principio venivano prodotte con carni di recupero di manzo, arricchite con salsiccia, salame crudo, mortadella di fegato e altre carni di maiale. Il tutto mescolato con pane bagnato nel latte, uova, formaggio grattugiato e noce moscata.

Queste polpette tradizionali milanesi nel 2008 hanno ottenuto la DeCo, riconoscimento dato dal Comune a quelle ricette che più rappresentano la tradizione e l’identità della città.

ricetta-mondeghili-milanesi

Mondeghili, ricetta antispreco

In fin dei conti i mondeghili non sono altro che un modo molto gustoso per non buttare la carne bovina avanzata, che era stata preparata bollita o arrosto. Quella che oggi chiamiamo cucina degli avanzi o del recupero. I mondeghili milanesi sono dunque la ricetta antispreco per eccellenza!

Sulle ricette antispreco leggete anche:

Ricetta mondeghili milanesi

Per preparare i mondeghili si tritano gli avanzi della carne lessata (o si compra del macinato di vitello) che poi bisogna impastare con mortadella, mortadella di fegato, uova, pane raffermo bagnato nel latte, formaggio grattugiato, prezzemolo, scorza di limone e noce moscata. Quello di questi antipasti milanesi è un impasto davvero gustoso con cui si formano sfere grosse dalla forma un po’ schiacciata, che devono essere impanate con pane grattugiato e fritte poi nel burro.

Provate anche le ricette delle polpette milanesi degli chef Claudio Sadler, Cesare Battisti e Carlo Molon.


La cucina tipica milanese

Per approfondire la cucina milanese, leggi anche Dove mangiare a Milano: i ristoranti della tradizione. Mentre qui trovi tutte le altre tappe del nostro viaggio sfizioso nelle ricette milanesi e nel cibo tipico milanese:


Bene, ora non ti resta che provare la ricetta originale dei mondeghili. Come dice lo chef, i mondeghili sono come il nero: stanno bene con tutto, dalla bollicine a una buona birra. 
Buon appetito!

Print Recipe
La ricetta dei mondeghili
Ecco la ricetta dei mondeghili milanesi, le polpette di vitello a base di carne avanzata, mortadella, pane ammorbidito nel latte e parmigiano. Non vanno confusi con le polpette, che in Lombardia sono sì molto in uso, ma vengono preparate avvolte in fette di carne o in foglie di verza.
mondeghili-polpette-milanesi
Voti: 4
Valutazione: 3
You:
Rate this recipe!
Porzioni
persone
Porzioni
persone
mondeghili-polpette-milanesi
Voti: 4
Valutazione: 3
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Versare il latte in una ciotola e far ammorbidire il pane.
  2. Tagliare grossolanamente la carne lessata e le due mortadelle. Unire il pane strizzato, mischiare e passare il tutto in un tritacarne.
  3. Versare in una ciotola, aggiungere il prezzemolo tritato, la buccia di limone grattugiata, un po' di noce moscata, l'uova, il grana padano, sale e pepe.
  4. Mischiare e lavorare bene l'impasto, poi ricavarne tante polpette della grandezza di un piccolo uovo. Schiacciarle leggermente per dargli la forma tipica dei mondeghili e passarle nel pane grattugiato.
  5. Friggerle in una padella con il burro cuocendole circa 3 minuti per lato e servirle calde.
Recipe Notes

D'estate i mondeghili si mangiano anche freddi.

Condividi questa Ricetta
Simone Pazzano
Curioso prima di tutto, poi giornalista e blogger. E questa curiosità della vita non poteva che portarmi ad amare i viaggi e il cibo in ogni sua forma. Fotocamera e taccuino alla mano, amo imbattermi in storie nuove da raccontare.
https://simonepazzano.com

Potrebbero interessarti anche...

2 thoughts on “Mondeghili, la ricetta delle polpette milanesi

Lascia un commento

Top