Petto di vitello con osso: cottura low & slow

Una ricetta da vero maestro del barbecue. Oggi ti mostriamo infatti come preparare uno squisito petto di vitello con osso. Un piatto ideale per le tue grigliate con gli amici, che cuciniamo con la tecnica Low & Slow, ovvero una cottura a fuoco basso e lento che ti permette di esaltare al meglio le caratteristiche del vitello, carne che per sua natura è più tenera e facile da digerire rispetto alle altre.

La ricetta non è per nulla complicata, richiede solo una giusta dose di attenzione e cura per la carne in cottura. In una prima fase avviene l’affumicatura del petto di vitello, quindi si scioglie la gelatina che dà gusto al tutto e infine si forma la crosticina.

Oltre alla cottura al bbq, l’altro elemento fondamentale di questa ricetta del petto di vitello è il rub, il mix di erbe mediterranee che arricchirà profumi e aromi del piatto. Noi te ne suggeriamo uno, ma sentiti libero di creare il tuo rub preferito. Fai solo attenzione a non renderlo troppo forte, altrimenti sarà penalizzato il gusto della carne.

Ecco la ricetta del petto di vitello con cottura low & slow.

Print Recipe
Petto di vitello con osso | Ricetta bbq
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Piatto Piatto unico
Porzioni
persone
Ingredienti
Per la carne
Per il mix aromatico (grammi per chilo di carne)
Piatto Piatto unico
Porzioni
persone
Ingredienti
Per la carne
Per il mix aromatico (grammi per chilo di carne)
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
Fase 1: Affumicatura
  1. Strofinare e massaggiare a lungo il petto di vitello con il “rub”.
  2. Metterlo nel barbecue sulla griglia a 115-120°C per 3 ore chiudendo la cupola. Durante ciascuna delle tre fasi di cottura la cupola deve essere chiusa. In questa ricetta è importante avere un fuoco basso e una temperatura costante.
Fase 2: sciogliere il collagene e trasformarlo in gelatina
  1. Togliere dal barbecue e fare un «recipiente» con un foglio di alluminio (volendo all’interno si può mettere una carta da forno) in una casseruola di dimensioni abbastanza grandi da fare da base ma anche di permettere la chiusura totale della cupola.
  2. Versare 33 cl di birra o di vino bianco o di fondo di vitello (per 5 chili) sulla punta, quindi dal 5 al 6% del peso totale.
  3. Chiudere bene il foglio di alluminio in modo da non far perdere umidità.
  4. Mettere nel BBQ per altre 2 ore alla stessa temperatura.
  5. La gelatina che ora si forma inizia a sciogliersi intorno ai 25° C ed è liquida a 45° C. La gelatina si scioglie perfettamente in bocca per liberare tutti gli aromi e la fragranza del vitello. Quindi è importante assicurarsi che nulla vada perso!
  6. Raccogliere la gelatina che rimane nel foglio di alluminio e sul fondo della casseruola da utilizzare in seguito come salsa o a tocchetti magari con prezzemolo fresco, per esempio.
Fase 3: fare il «bark» (crosticina)
  1. Mettere la punta di petto aperta ed esposta nel barbecue per l'ultima ora ad asciugare leggermente e formare la crosticina. Per avere più crosta o piú brunitura si può lasciare dentro per altri 20-30 minuti (la temperatura è sempre di 115-120°C).
  2. Far riposare il petto per 15-20 minuti e servire con la gelatina.
Condividi questa Ricetta
Simone Pazzano
Curioso prima di tutto, poi giornalista e blogger. E questa curiosità della vita non poteva che portarmi ad amare i viaggi e il cibo in ogni sua forma. Fotocamera e taccuino alla mano, amo imbattermi in storie nuove da raccontare.
https://simonepazzano.com

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi