Polpette alla siciliana: la sfiziosa ricetta di Nicola Batavia

polpette alla siciliana

Le polpette sono una delle idee sfiziose, facili e veloci preferite, soprattutto per la cena: un secondo piatto di carne di vitello, quindi carne bianca, tenera e leggera che ti riempie lo stomaco e non ti fa perdere tempo. Le polpette le preparo sempre usando quello che avanza, ma la carne è sempre di vitello, proprio come nella ricetta tradizionale delle polpette alla siciliana, che lo chef prepara senza mollica e senza farina, perciò si tratta di polpette di carne senza glutine. Fantastiche non solo come secondo piatto da accompagnare con un contorno, le polpette di carne vanno benissimo anche come aperitivo. E, credetemi, piacciono sempre a tutti, sia grandi che piccini. Le polpette alla siciliana possono diventare anche un antipasto ideale per un’occasione di festa come il cenone di Capodanno!

Anche perché diciamocelo, se pur mio marito cerca sempre di propinarmi la classica buona fetta di salame con un pezzo di pane come si deve, a me questi aperitivi senza creatività ha iniziato un po’ ad annoiare. E pensate come lo stupirò quando uscirò dalla cucina (fiera come una regina!) portando, come fosse un carro trionfale, una listarella di legno colma di polpette di carne alla siciliana. Vi state chiedendo cosa c’entra la listarella di legno: avete presente come quelle lunghe liste di parquet? Sì, avete capito bene, ma adesso vi spiego (e anche vi confesso) che l’idea non è proprio la mia. Me l’ha suggerita Nicola Batavia del Birichin di Torino che, in fatto di fantasia, è un campione!

Allora, si fa così. Si cerca una bella listarella di legno (potete usare anche un pezzo di una cassetta della frutta, ma in tal caso passateci sopra un po’ di carta vetrata per lisciarla). Si va in un colorificio e si acquista una vernice adatta all’uso alimentare. Si dipinge la listarella e si lascia asciugare. Semplice insomma. E poi? E poi si preparano le polpette di carne  alla siciliana così come ti insegna lo chef. Nicola mi ha regalato (e ora la condivido con voi), la sua ricetta delle polpette alla siciliana della mamma Maria. Buonissime, rapide, facilissime. Davvero. Per prepararle serve solo un macinato di vitello di grande qualità (mi raccomando, non lesiniamo su questo), uvette di Zibibbo e mandorle. Sono un’idea geniale anche perché in caso di ospiti celiaci o intolleranti al glutine non avremo problemi. Nella ricetta di Nicola non ci sono né pane, né farina! Volete sapere esattamente come si cucinano? Guardate qui!

 

 

Print Recipe
La ricetta delle polpette alla siciliana di Nicola Batavia
ricetta polpette di Nicola Batavia
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 45 minuti
Porzioni
persone
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 45 minuti
Porzioni
persone
ricetta polpette di Nicola Batavia
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Cominciamo a preparare il contorno, il macco di fave. Facciamo rosolare in padella la cipolla e il sedano tagliati a pezzetti. Aggiungiamo le fave, il brodo vegetale e continuiamo la cottura.
  2. Mettiamo in una ciotola il macinato di vitello, l’uvetta, il sale, le mandorle tagliate grossolanamente, l’olio extravergine di oliva, il pepe. Amalgamiamo tutto. Con le mani, formiamo poi delle piccole polpette.
  3. Terminata la cottura delle fave, frulliamole fino a ottenere un composto cremoso.
  4. Cuociamo le polpette in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva.
  5. Servite le polpette alla siciliana su un’asse di legno trattata con vernice alimentare disponendo prima delle porzioni di macco di fave e sopra ciascuna, una polpetta. Verrà una meraviglia!
Recipe Notes

Cosa bere - Conoscete il Timorasso? È un vitigno antico della provincia di Alessandria (siamo sui colli tortonesi) e da vita a un vino bianco corposo, dalla buona struttura, adatto anche al lungo invecchiamento. Se invece preferite qualcosa di più easy e preferite il rosato, puntate allora a un Chiaretto, la versione rosè del Bardolino con i suoi profumi agrumati e di mela verde, albicocche e spezie. Su queste polpette però stanno bene anche un Friulano o la freschezza di un Valpolicella Classico.

Condividi questa Ricetta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi