Trippa di vitello alla romana
La trippa di vitello alla romana, detto anche trippa alla trasteverina, è un piatto tipico laziale, in particolare un piatto tipico della tradizione romanesca, a base di trippa di vitello, sugo d’umido ai chiodi di garofano, pecorino romano e foglioline di menta romana.
Porzioni
4persone
Porzioni
4persone
Ingredienti
Per la trippa:
Per il sugo di garofolato:
Istruzioni
Per fare il sugo garofolato:
  1. Prendere il girello e inciderlo in modo da fare spazio per inserirvi delle striscioline di lardo, sale e pepe. Mettere un chiodo di garofano in una delle incisioni e spargere nei buchini anche un mezzo spicchio di aglio tritato.
  2. Legare bene la carne con uno spago come se si stesse facendo un polpettone.
  3. A questo punto, scaldare un cucchiaino di olio, uno di lardo o di grasso di prosciutto, se volete un cucchiaino di strutto, venti foglioline di prezzemolo tritato, una costa di sedano tritata e soffriggere bene.
  4. Dopo qualche minuto, rosolare la carne, poi versare il bicchiere di vino bianco e laciar sfumare.
  5. Dopodichè, aggiungere la salsa di pomodoro. Se necessario, aggiungere anche un dito di bicchiere di acqua tiepida.
  6. A questo punto, coprire la carne di acqua, aggiungere un mezzo cucchiaino scarso di sale e cuocere a fioco moderato.
  7. Il sugo dovrà addensarsi, ma non troppo, perché serve per condire la nostra trippa (ma anche la pasta!); mentre la carne si consuma come secondo piatto (un po’ come funziona per la pasta con la genovese).
Per la trippa:
  1. Lessare la trippa in una pentola con abbondante acqua salata per una decina di minuti.
  2. Scolarla e tagliarla a rombi.
  3. In una casseruola, versare tre cucchiaiate di sugo garofolato, posarvi sopra la trippa, aggiungere altro sugo, aggiungere il pecorino grattugiato e ricoprire tutta la trippa, aggiungere anche qualche fogliolina di menta.
  4. Continuare stratificando con sugo, trippa, pecorino, menta fino a esaurimento ingredienti.
  5. Cuocere per una mezz’ora.
  6. A fine cottura, servire aggiungendo del pecorino grattugiato e qualche fogliolina di menta.