Vitello cotto a bassa temperatura alla puttanesca, di Stefano De Gregorio

vitello puttanesca stefano de gregorio

Vitello alla puttanesca, di certo incuriosisce. Poi, se lo propone lo chef Stefano De Gregorio si può star tranquilli sul fatto che: sarà un piatto fresco ma consistente, con pochi ingredienti di stagione e tipici, probabilmente si può imparare a farlo in modo facile e veloce e, ovviamente, sarà buonissimo.

Con ChefDeg si impara sempre qualcosa in più quando si cucina. A giocare con il palato, ad esempio, proponendo piatti che hanno componenti sia basiche che acide, sia delicate che forti. Così, ad accompagnare il magnifico magatello di vitello cotto a bassa temperatura trovi il datterino giallo della Piana del Sele che si sposa perfettamente con i filettini di alici di Sicilia, le olive taggiasche e la polvere di capperi di Pantelleria dissalati. Ché quando si cucina con gli ingredienti tipici di una regione, bisogna stare attenti ad abbinarli bene e a esaltare sapori che sono già di per sé molto decisi e non si devono coprire l’un l’altro.

Le ricette di Stefano De Gregorio si possono provare a casa senza problemi e, infatti, lo chef si è preoccupato anche di dare un metodo di cottura alternativo alla bassa temperatura. Lo trovi qui sotto, nel procedimento!

Print Recipe
Vitello cotto a bassa temperatura alla puttanesca
4 filetti di alici sott’olio, 1 vasetto di pomodori datterini gialli, 1 cucchiaio di capperi di Pantelleria, 1 cucchiaio di olive taggiasche, dell’origano fresco, un buon olio extravergine di oliva e qualche fiore edulo per decorare
vitello puttanesca stefano de gregorio
Voti: 2
Valutazione: 4
You:
Rate this recipe!
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 45 minuti
Tempo di cottura 1 ora 50 minuti
Tempo Passivo 20 minuti
Porzioni
Ingredienti
Cucina Italiana
Tempo di preparazione 45 minuti
Tempo di cottura 1 ora 50 minuti
Tempo Passivo 20 minuti
Porzioni
Ingredienti
vitello puttanesca stefano de gregorio
Voti: 2
Valutazione: 4
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Per cuocere il magatello e lasciarlo morbido e rosa, mettilo in un sacchetto per il sottovuoto con olio extravergine di oliva, erbe aromatiche come timo, salvian e rosmarino; aggiugni anche uno spicchio di aglio in camicia e lascialo cuocere a 56° per 75 minuti. Se non hai gli strumenti per cuocere a bassa temperatura, ti basterà scaldare una padella antiaderente, aspettare che sia rovente e poi scottare appena il magatello in padella e farlo riposare a parte per una decina di minuti.
  2. Una volta cotto il vitello a bassa temperatura, mettilo in un abbattitore per bloccarne la cottura. Se non disponi di un abbattitore, lascialo nel suo sacchettino e immergilo in una ciotola con del ghiaccio.
  3. Una volta raffreddatosi, tieni il succo da parte, elimina le erbe aromatiche e l'aglio dal sacchettino e rosolalo in padella con un filo di olio su tutti e due i lati. Aggiungi il sale alla fine.
  4. A questo punto, sei pronto per preparare la tua puttanesca. Occupati per prima cosa della tostatura dei capperi, che vanno messi a essiccare in forno a 140 °C per 20 minuti.
  5. Nel frattempo, una casseruola, metti lo spicchio di aglio in camicia schiacciato (così rimane leggero e digeribile), il peperoncino, dell'olio extravergine e i datterini gialli. Cuocili per 4 o 5 minuti a fuoco medio. Alla fine aggiungi il sale. Comunque, non cuocerli troppo, così il loro sapore particolare resterà intatto.
  6. Passa al setaccio i datterini in modo da ottenere una salsa senza grumi.
  7. A questo punto i capperi dovrebbero essere pronti. Tirali fuori dal forno e frullali con un mixer per ottenere la polvere di capperi e passali al setaccio.
  8. Recupera i succhi della carne che hai usato per la cottura ed emulsionali con dell'olio extravergine. Tienili pronti, perché ci condirai il vitello alla fine.
  9. Dopo aver preparato anche le olive taggiasche e i filetti di alici, sarai pronto per impiattare. Metti il vitello alla base del piatto e accanto la salsa di datterini con qualche filetto di alici, le olive taggiasche e la polvere di capperi. Ultima con un filo di olio a crudo e qualche germoglio per decorare e il piatto è pronto!
Condividi questa Ricetta
Alice Bignardi
Web Editor. Scopro l'Italia un ingrediente alla volta. Seguo gli chef in cucina e mi faccio raccontare tutti i loro segreti!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi