Ue’ testina (di vitello)

testina di vitello ricette

La testina di vitello spiegata in poche parole, le ricette per cucinarla e dove mangiarla a Milano. Ecco tutto quello che avreste voluto sapere sulla testina di vitello e non avete mai osato chiedere.

La testina di vitello è un taglio di carne o una parte del quinto quarto?

La testina di vitello è parte del quinto quarto. Insieme alle animelle, alla trippa, alle cervella, al fegato e a moltissime altri parti, la testina fa parte delle frattaglie del vitello, anche se non si può dire che sia un tipo di interiora.

Come tutto il quinto quarto, la testina di vitello è sempre stata considerata un taglio povero ed economico, considerato per un certo tempo quasi uno scarto.

Quinto quarto: ricette e idee per cucinare le frattaglie

Come si cucinava la testina di vitello?

Un tempo, quando la testina di vitello non era un piatto hypster, si andava dal macellaio, si comprava la testa intera del vitello e si tornava a casa con un bel po’ di lavoro da fare.

La testina, a quel punto, andava sbollentata e raschiata via di tutto il pelame e degli scarti; poi si spolpava, perché andava disossata, si arrotolava su se stessa, si legava e solo a quel punto si cucinava. La cottura della testina di vitello avveniva, allora come ora, in acqua bollente. La testina si fa per lo più bollire in acqua salata.

Oggi, la testina di vitello viene venduta in macelleria già disossata e arrotolata. Si cucina e si taglia a fette che presentano, per via del fatto che è stata arrotolata e pressata, uno strato di cotenna tutto intorno e striscioline di carne e grasso arrotolate all’interno.

Quali sono le ricette particolari che si possono fare con la testina di vitello?

Testina di vitello bollita – La testina di vitello si serve insieme a lingua, muscolo, coda, cotechino e scaramella nel Gran bollito misto alla piemontese e viene normalmente condita con le tipiche salse piemontesi: aiolì, salsa al rafano, begnetto verde e bagnetto rosso. La testina di vitello bollita impiega circa 2 ore a cuocere, lo chef Luca Zecchin è stato paziente e l’ha servita insieme ad animelle e capesante. Curiosi di vedere che piatto ne è venuto fuori? Ecco il piatto qui sotto:

animelle e testina di vitello con capasanta e maionese tiepida ai ricci di mare Luca Zecchin

Testine di vitello arrosto – Per fare la testina di vitello arrosto, bisogna comunque bollirla per qualche minuto prima, scottarla dopo in una padella con olio, aglio e alloro e infornarla dopo aver aggiunto pepe nero macinato, rosmarino, alloro e timo. La testina può essere lardellata con l’aggiunta di una fettina di pancetta o di lardo di Colonnata. La testina cuoce in forno a 180° C per una mezz’ora, anche meno. Il taglio rimarrà bello succoso e grasso per via della sua composizione.

Testina di vitello brasata – Normalmente servita con un contorno di polenta, la testina di vitello viene benissimo se brasata e servita con la polenta o le patate arrosto. Qui ci sono tutti i consigli per fare un brasato perfetto.

Insalata di vitello fredda – La testina viene anche pressata e affettata come se fosse un salume. Normalmente servita in insalata con del sedano affettato finissimo e condita con olio, sale, pepe e succo di limone.



Alice Bignardi
Web Editor. Scopro l'Italia un ingrediente alla volta. Seguo gli chef in cucina e mi faccio raccontare tutti i loro segreti!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi