Foodblogger in gara di…vitello tonnato!

Avete presente cosa possono riuscire a combinare delle foodblogger in gara?

Ve lo racconto? Ok, cominciamo dall’inizio però!

Tutto ebbe inizio qualche mese fa, alla partenza del mio blog Sfizioso, diciamo. Proprio in quel momento, le mie amiche foodblogger hanno scoperto la mia passione per il vitello tonnato, è scattato uno strano meccanismo mentale. Improvvisamente tutte si sono ricordate di questo piatto della tradizione soprattutto piemontese e molte si sono rese conto di quanto tempo fosse passato dall’ultima volta che lo avevano cucinato. Dico ricordate non a caso. Spesso infatti, trascinati da mode e tendenze, ci dimentichiamo delle nostre radici. Così, chiacchierando è venuto fuori che alcune non si erano mai messe alla prova seriamente con questo piatto.

La faccenda non poteva lasciarmi inerme, come ben immaginate. Possibile? Non ho potuto resistere: “Foodblogger in gara! Tema: il vitello tonnato! E io, ovviamente, da grande appassionata del piatto in giuria!”. Poi però ho aggiunto qualche dettaglio alla cosa, come dire, giusto per rendere il tutto più sfizioso! La vincitrice avrebbe avuto poi il privilegio di cucinare il suo piatto al Lab di Saporie.com (il laboratorio di idee delle eccellenze in cucina) accanto niente di meno che…al suo chef preferito!

Ovazione! Le blogger sono impazzite e si sono scatenate! I fornelli sono diventati dei laboratori e tutte mi hanno mandato orgogliose il link della pubblicazione del loro vitello tonnato sui blog. Un tripudio, insomma!

E così, stasera ho deciso di invitarle tutte al Lab e di svelare il nome della vincitrice. Volete qualche anticipazione? E va bene, ve la darò anche perché credetemi, davanti a certe mastrìe sono rimasta stupita anche io!

Foodblogger in gara con il vitello tonnato. Ecco cosa è succeso!

Il vitello tonnato di Cucina con stile
Il vitello tonnato di Cucina con stile

Dunque, iniziamo con i miei amici Alessia e Francesco che hanno pubblicato sul loro Blog Cucina con stile, un vitello tonnato ispirato a due grandi chef: Oldani e Hiro. Ambizioso! Devo ammettere che sono stati bravi perché sono riusciti bene nell’intento di svecchiare il piatto. Tra gli ingredienti, quelli che mi hanno più colpito perché alternativi rispetto alla classica ricetta sono stati lo sciroppo di fieno e le bacche di ginepro che sono serviti per marinare la carne di vitello (dopo esser stata scottata), insieme a olio, limone e pepe. I due hanno poi presentato delle belle fettine condite con la loro salsa su un vassoio di pietra lavica nera. Buono da mangiare e bello anche da vedere, insomma!

Foodblogger in gara
Il vitello tonnato della Cuocherellona

La cuocherellona, Erica, insomma, ha invece scelto di regalarmi un vitello tonnato “scomposto”. Erica gioca in casaperché è piemontese (come me) e quindi ha questo piatto un po’ nel suo Dna. Erica ha puntato tutto sulla salsa che nella sua interpretazione diventa al maracuja con il succo di questo frutto, il miele di castagno, tuorli d’uovo, la maizena, il rosmarino e il sale rosso. Vi stuzzica eh! Anche a me! Pensate poi che a questa salsa Erica ha aggiunto una polvere di capperi ottenuta mettendo anche acciughe e succo di lime.

Foodblogger in gara
Il vitello tonnato di Peperoni e patate

Arriva poi Teresa con il suo Blog Peperoni e patate. Per preparare il vitello tonnato, Teresa si è concessa una gita a Torino. Furbetta! Diciamo che la ricetta classica che ha avuto modo di assaggiare lì, è stata la base per rivisitare la sua personale interpretazione del piatto. La sua ricetta mi è piaciuta perché è molto classica, come me!

E adesso arriva Antonella di “Ma Cuisine Royale”. Mi ha colpito la scelta di interpretare in

Foodblogger in gara
Il vitello tonnato di Ma Cuisine Royale

verticale, un piatto che, per definizione è steso. Insomma, la sua è davvero una versione finger food e anche in questa ricetta compaiono ingredienti non proprio canonici come il rosmarino, l’olio di vinaccioli, la senape francese e la pasta sfoglia. D’altra parte l’origine belga di Antonella emerge anche in questo piatto e la cosa mi diverte!

Foodblogger-in-gara
Il vitello tonnato di Mapy e le sue ricette

Mapy lo ha dichiarato subito: “Non sarà il solito vitello tonnato”! Nel suo Blog “Mapy e le sue ricette”, è apparso infatti un vitello tonnato in cui la carne, ad esempio, è stata cotta in forno. E questo passaggio è piuttosto insolito. L’esito, comunque è interessante anche per la morbidezza e la consistenza del piatto.

Foodblogger-in-gara
Il vitello tonnato della Signora dei fornelli

La signora dei fornelli, Doriana, ha invece presentato il vitello tonnato in versione bocconcino. La curiosità sta nella carne che, anche in questo caso, è trattata in maniera particolare. Doriana sceglie di coprirla con aromi e vino bianco secco e tenerla in frigorifero per almeno mezza giornata versando poi tutta la marinata nel brodo bollente per procedere con la cottura. Il suo vitello è bello ed elegante.

Foodblogger-in-gara
Il vitello tonnato di Fitfood

E, infine, c’è anche l’interpretazione del vitello tonnato di Valeria Airoldi. Il blog è Fitfood. Per Valeria questo piatto è un must e prepararlo le ricorda sempre la sua mamma! La sua versione è interessante perché elimina la maionese sostituendola con una deliziosa salsa tonnata preparata con tonno al naturale, cavolfiore, carota, cipolla, limone, capperi e olio. Devo ammetterlo. Ero perplessa, ma mi sono ricreduta! Squisito!

 

 

Insomma, foodblogger in gara, sarà davvero difficile decidere chi vincerà. Per questo mi devo concentrare e mi chiudo in camera di consiglio con gli altri giurati. Ah, ci attende un duro lavoro di assaggio. D’altra parte qualcuno lo dovrà pur fare.

Stay tuned, stasera la sfida e domani la vincitrice!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi