Roma nel piatto: idee per le tue ricette tipiche

Voglia di un viaggio a Roma? Voglia di riassaporare tutto il gusto della Capitale? Oggi ti proponiamo alcune ricette della cucina tipica romana. Piatti dalle origini antiche e dal gusto deciso.

roma trastevere

Non solo carbonara e coda alla vaccinara… Saltimbocca, pajata, trippa, fegato sono un ottimo modo per portare Roma nel piatto e tutta la sua tradizione culinaria. Buon viaggio, anzi buon appetito!

Saltimbocca alla romana

La ricetta è semplice e il pieno di gusto è assicurato. I saltimbocca alla romana sono un piatto tipico che si prepara con fettine di vitello, prosciutto crudo, burro e salvia. I saltimbocca alla romana sono un secondo piatto sfizioso dalle origini antiche: ne parlava anche Pellegrino Artusi alla fine dell’Ottocento.

La pajata

Ne parlava anche il Marchese del Grillo. La pajata è una specialità tradizionale romana, quasi un’istituzione. Sicuramente un ingrediente per chi ama i sapori forti e decisi del quinto quarto. Si tratta infatti di una parte dell’intestino del vitello che contiene il chimo, una sostanza molto gustosa. La pajata è si può gustare in diverse ricette, sia come primo che come secondo piatto: la ricetta più famosa è quella dei rigatoni con la pajata, ma un’altra maniera tradizionale di cucinarla è cotta alla brace.

Leggi anche:
Scuola di Cucina – Cos’è il quinto quarto: la tradizione italiana delle frattaglie

Trippa alla trasteverina

Quando parliamo di trippa alla fine parliamo di un piatto comune a tutta Italia. Quello che cambia da regione a regione è il tipo di preparazione. La trippa di vitello alla romana (chiamata anche trippa alla trasteverina) si cucina con trippa di vitello, sugo d’umido ai chiodi di garofano, pecorino romano e foglioline di menta romana. Un pieno di sapore da leccarsi i baffi!

Leggi anche:
Scuola di cucina – Guida alla trippa: che parti usare e come cucinarla

Fegato di vitello alla romana

Il fegato di vitello è un’altra specialità che unisce diverse regioni italiane. E quindi ne esistono diverse ricette. Prepararlo alla romana non è per niente complicato: servono due cipolle, dello strutto (pochissimo), un po’ di brodo e il gioco è fatto. Per completare una macinata di sale e pepe prima di servire darà il tocco in più. L’importante è non esagerare perché il fegato è già molto saporito di suo.

Simone Pazzano
Curioso prima di tutto, poi giornalista e blogger. E questa curiosità della vita non poteva che portarmi ad amare i viaggi e il cibo in ogni sua forma. Fotocamera e taccuino alla mano, amo imbattermi in storie nuove da raccontare.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi