Polpa di vitello, che taglio è e come si cucina

polpa-di-vitello

La polpa di vitello è un taglio di carne di vitello che si ricava dalla spalla del vitello e si usa normalmente per fare il macinato di primo taglio, ovvero un macinato di qualità, oppure spezzatini e ricette a cottura lunga anche col vino (rosso, per lo più). Taglio di carne piuttosto magro, ma comunque venato del grasso che basta per renderlo adatto alle cotture lunghe, la polpa di vitello ha un sapore delicato, che lo rende facilmente abbinabile a moltissimi ingredienti. Con la polpa di vitello si possono preparare anche degli ottimi arrosti economici.

Per approfondire: I tagli del vitello, tutti i consigli del macellaio!

Polpa di vitello, ricette facili

La polpa di vitello, come abbiamo anticipato, viene usata soprattutto per ricavare del macinato di prima qualità. Con il macinato di polpa si possono preparare polpette, hamburger e polpettoni belli morbidi e succosi. Comprate il macinato e non gli hamburger, le polpette o i polpettoni già pronti. In questo modo, potrete dare alla carne la forma, la misura e il sapore che vorrete a seconda delle esigenze.

Nell’impasto delle polpette, ad esempio, potete mettere più o meno pane ammollato, potete sostituire il parmigiano con del caciocavallo grattugiato o, semplicemente, del pecorino romano o della ricotta salata. Nell’impasto del polpettone, potete aggiungere pezzetti di prosciutto cotto o di uova sode. Negli hamburger, potete aggiungere spezie ed erbe aromatiche di tutti i tipi e dare alle vostre preparazioni un tocco di originalità facilissimo da aggiungere.

Idee sfiziose: Insaporire i tuoi hamburger, tanti modi per farlo!

Polpa di vitello arrosto

Ma la polpa non è solo adatta al macinato. Essendo un taglio economico, ma con il gusto equilibrio di parti grasse e parti magre (un po’ come il reale di vitello), la polpa di vitello è adatta anche per preparare arrosti al forno e arrosti in padella di tutto rispetto. Quando preparate la polpa arrosto, potete scegliere se cuocerla a puntino o se lasciarla più rosa all’interno. La polpa di vitello al forno, per la sua composizione, regge bene entrambe le cotture. L’arrosto di vitello, in generale, viene buono se scottato prima in una padella rovente (in modo da sigillare i pori e intrappolare tutti i succhi della carne al suo interno) e poi cotto in forno statico a 200° C per una mezz’oretta. Prima ancora di iniziare la cottura, massaggiate la carne con olio, sale e pepe e non abbiate timore di sporcarvi le mani.

Guide sfiziose: Ecco come preparare un arrosto di vitello strepitoso.

Polpa di vitello al cartoccio

Per fare la polpa di vitello al cartoccio, tanto per cominciare bisogna prevedere delle patate da abbinarvi e quindi delle salse per la carne in cui intingolare il tutto. Dopodiché, prendete della carta di alluminio e ricavatene tre fogli da mettere a croce, vi posizionerete dentro la carne con le erbe aromatiche e, già che ci siete, anche le patate. Aggiungete sale, olio, spezie, rosmarino, timo e tutto quello che amate di più (curry, curcuma, zenzero, basilico, alloro, salvia, pepi colorati…) e fate cuocere in forno statico a 200° C per un’oretta.

La ricetta completa: Arrosto di vitello al cartoccio con verdure.

Polpa di vitello al vino rosso

La polpa di vitello al vino rosso è una ricetta a cottura lunga, per un secondo piatto di carne tipico della cucina italiana. In particolare, la ricetta così pensata è quella che si prepara quando si vuole fare lo spezzatino di vitello in Campania, una delle poche ricette napoletane in cui la carne si cuoce con il burro. Normalmente, infatti, nelle ricette partenopee, il burro è previsto solo nei dolci e, dove serve un grasso più grasso e denso dell’olio, si ricorre allo strutto. Ecco la ricetta completa!

Polpa di vitello e verdure

La polpa di vitello ai funghi, come la polpa di vitello ai peperoni sono due secondi piatti di carne sfiziosi e facili di preparare. Potete spadellare funghi e peperoni a parte in una padella con olio e uno spicchio di aglio e poi aggiungere delle foglioline di prezzemolo, oppure, come per le patate di cui sopra, aggiungere le verdure direttamente nel cartoccio e cuocere tutto insieme.

Alice Bignardi
Web Editor. Scopro l'Italia un ingrediente alla volta. Seguo gli chef in cucina e mi faccio raccontare tutti i loro segreti!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi