5 ricette creative per preparare la trippa

Ricetta di trippa alla milanese, trippa alla fiorentina, trippa alla monferrina, quante ricette di trippa esistono, forse non si possono nemmeno contare. Le ricette della trippa sono tante quante i ricettari casalinghi che esistono. Ma come preparano la trippa gli chef? Vogliamo darvi qualche ricetta di trippa insolita, come preparare una ricetta di trippa creativa per stupire i vostri commensali. Magari qualcuno che non ha mai assaggiato la trippa, anche se negli ultimi anni è tornata di gran moda. Vediamo 5 ricette creative per preparare la trippa, siamo sicuri che troverete la ricetta di trippa che vi mancava.

Leggi anche:

Voglia di trippa: 10 ricette per tutti i gusti

Guida alla trippa: che parti usare e come cucinarla

Busecca: la ricetta della trippa alla milanese

Cos’è la trippa e come si prepara

Prima di passare alla ricetta di trippa creativa, ripassiamo insieme i fondamentali: cos’è la trippa e come si prepara? La trippa è un taglio di carne che appartiene alla grande e famosa famiglia del quinto quarto, quindi delle frattaglie. La trippa non ricavata dall’intestino ma in realtà dalle diverse parti dello stomaco del bovino. Per cucinare la trippa intanto bisogna comprarne una di grande qualità, quindi andate a comprarla dal vostro macellaio di fiducia. Avrete bisogno circa di 200g di trippa per persona, perchè in cottura tende a ridursi. La trippa deve essere di colore grigio e non avere parti scure, diffidate anche dalle trippe troppo bianche che hanno subito diversi lavaggi e quindi hanno alterato la qualità.

La ricetta della trippa fritta di Tano Simonato

La ricetta di trippa fritta non è una novità assoluta, la trippa fritta è un piatto che viene preparato spesso e ormai è diventato un vero trend. Questa ricetta di trippa fritta però è davvero particolare perchè preparata dallo chef Tano Simonato. La trippa viene tagliata a fettine sottili e condita con del miele di acacia. Poi infarinata in un mix di farina 00 e farina di grano duro. Questo mix di farine permette di ottenere una panatura molto croccante. Prima di friggere la trippa però ricordatevi di scuoterla lievemente per eliminare l’eccesso di farina che altrimenti andrebbe a bruciarsi a contatto con l’olio bollente. Aiutatevi con un colino a maglie fini.

La trippa come ripieno: i ravioli di trippa al pomodoro

Questa è una ricetta di trippa come primo piatto: dei deliziosi ravioli di trippa al pomodoro, preparati dallo chef Nicola Batavia. Se non avevate mai considerato la trippa come ripieno per i ravioli, questa ricetta è fatta apposta per voi. Per preparare il ripieno con la trippa la prima cosa da fare è un soffritto di scalogno, carota e sedano a cui aggiungere trippa e salsiccia dopo circa 3 minuti. Sfumate tutto con un bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare, poi è il momento della patata cruda a tocchetti che darà corpo al ripieno. Continuate a cuocere per 20 minuti, bagnando eventualmente con il brodo. Per farcire i ravioli poi vi basterà formare delle palline di ripieno. Tritare finemente lo scalogno, la carota e il sedano.

La trippa primaverile con carote e agretti

Gli agretti, chiamati anche poeticamente barba di frate, sono le foglioline allungate di una pianta erbacea primaverile. Arrivano sui banchi del mercato da febbraio e si fermano per un mesetto scarso. Tanto da farci desiderare che il tempo scorra in fretta e di ritrovarli presto in tavola. Quindi questa ricetta di trippa è fatta per voi amanti degli agretti. Qui la trippa va fatta bollire per un’oretta, poi va messa in un sacchetto per il sottovuoto e cotta a bassa temperatura a vapore per altre 12 ore. Sicuramente si tratta di una cottura impegnativa da dedicare a un’occasione speciale. Una trippa in giacca e cravatta.

Altre ricette con la trippa:

Zuppa di trippa alla napoletana

Trippa di vitello alla romana

Trippa con spinaci e pomodorini pachino

La trippa a cilindro con piselli, funghi e cavolino

Trippa a cilindro è un nome davvero irresistibile per non fermarsi un momento a capire di cosa si tratta. È una ricetta di trippa davvero interessante questa di Nicola Batavia. La trippa a cilindro, chiamata anche arbella, è una parte della trippa di vitello che viene usata per preparare questo piatto. Non si può definire la classica trippa, perchè invece di provenire dallo stomaco, proviene da una parte dell’esofago tagliato a tocchetti e cucinato in padella dopo essere stato sbianchito in acqua e aceto. Una ricetta rapida con una presentazione elegante, una trippa da sera adatta anche ai palati più esigenti.

La puccia pugliese imbottita di trippa

Panino alla trippa? So che è si tratta di un abbinamento insolito ma fidatevi dello chef Carlo Molon che ha creato questa puccia con un ripieno di trippa, patate americane e salsa di pomodoro. Per questa ricetta di trippa lo chef Molon ha scelto la trippa millefoglie. Potete acquistarla già sbianchita in modo da poter saltare qualche passaggio. La trippa millefoglie va lasciata cuocere per circa 30 minuti con sedano, carota e cipolla tritati oltre alla passata di pomodoro. Passati i 30 minuti alla trippa vanno aggiunte anche le patate americane tagliate a dadini. Riscaldate la puccia pugliese prima di farcirla, sarà ancora più deliziosa.

Francesca Sponchia
Collezionista di grassi saturi e attivista per i diritti civili del burro. Rabdomante di piatti perfetti nei menu' dei ristoranti, nel tempo libero mangio ravioli crudi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi