Come fare una grigliata di carne perfetta: 5 consigli per un ottimo bbq

Regina indiscussa dell’estate, sinonimo di vacanza, convivialità e belle giornate: la grigliata di carne con amici e famiglie è un must.

grigliata-di-carne

Al primo raggio di sole si sfodera il barbecue, si preparano la carbonella (qui la guida per sapere come accenderla) e gli attrezzi del mestiere: pinze, spiedi, il classico ramo di rosmarino intinto nell’olio per insaporire carne e verdure, salse e condimenti vari. E poi lasciarsi andare ed entrare nel giusto mood: perché il bello della grigliata non è solo il risultato finale ma anche l’atmosfera che si crea intorno alla sua preparazione e a una serie di rituali indispensabili per godersela fino in fondo.

Inclusa la birra fredda da sorseggiare mentre sfrigola la salamella!

Leggi anche: Il galateo della grigliata per chi organizza, chi è in vacanza e chi partecipa

Come si prepara una grigliata di carne perfetta

Vediamo quindi le regole per preparare una grigliata perfetta.

1. Griglia o barbecue?

Il primo presupposto per un risultato perfetto è conoscere lo strumento che abbiamo a disposizione: griglia o barbecue? Non sono la stessa cosa e non funzionano nello stesso modo visto che richiedono tempi di cottura diversi.

Ognuno ha il proprio metodo preferito, l’importante è conoscere le regole di base: la griglia usa le temperature alte per cuocere in poco tempo grazie al calore diretto, il barbecue richiede invece una cottura lenta perché sfrutta il fumo per cuocere la carne.

Una volta stabilita la differenza, assicuriamoci che la griglia sia pulita e ricordiamoci che va accesa in anticipo in modo che sia ben calda prima di iniziare a cuocere la carne.

Leggi anche: 16 idee per il tuo bbq party

2. Organizzare tempi e spazi

grigliata di carne

Una questione fondamentale quando si organizza una grigliata è la gestione dei tempi: in altre parole, bisogna organizzarsi bene.

Ciò significa accendere la carbonella per tempo, avere a portata di mano già tutto quel che servirà e soprattutto preparare la carne: va marinata in anticipo e tolta dal frigorifero almeno un’ora prima di cuocerla, altrimenti l’escursione termica inciderà sulla cottura in peggio. Salsicce e wurstel devono essere bucherellati prima di finire sulla griglia, le salamelle vanno tagliate in due e aperte e gli spiedini preparati in modo che tutti i pezzi siano della stessa dimensione.

E poi bisogna tagliare e preparare la verdura da grigliare, in modo che sia già pronta all’uso.

Il modo migliore è sistemare la carne già condita con olio ed erbe aromatiche in teglie o vassoi, tenendone altri vuoti a portata di mano sui quali posarla una volta cotta.

Leggi anche: Guida al barbecue: i sali aromatizzati fai da te per condire la carne

3. Scegliere carne di qualità

spiedini di vitello bbq
Spiedini di vitello

Abbiamo la griglia, tutti gli attrezzi, i condimenti, la birra e la compagnia: cosa manca? Il pezzo forte: carne di prima qualità.

Per una grigliata perfetta vanno benissimo le classiche salamelle, così come gli spiedini, gli hamburger, costine e braciole, salsicce. L’importante è acquistarli da un macellaio fidato, che garantisca un materia prima di eccellenza: in caso contrario la nostra grigliata risulterà piuttosto secca, dura e poco saporita.

Vale la stessa regola anche per le verdure: peperoni, zucchine, melanzane, cipolle, sulla griglia si può cuocere tutto ma scegliamo prodotti di stagione al giusto grado di maturazione.

Leggi anche: Grigliare, cuocere sul barbecue e arrostire: le differenze.

4. La marinatura perfetta

come marinare la carne

Erbe aromatiche, sali aromatizzati, salse hanno un ruolo molto importante in una grigliata. Ma a fare la differenza spesso è una buona marinatura della carne: potete leggere la nostra guida che vi spiega alla perfezione come marinare la carne, per quanto tempo e con quali ingredienti.

Un consiglio: per la prossima grigliata provate a marinare la carne nel vino anziché nell’olio!

5. La cottura della carne

Ci siamo, è arrivato il momento di cuocere la carne: posizioniamo la griglia non a contatto con il fuoco ma leggermente distante dalle braci. Ungiamola con un po’ di olio e facciamola scaldare prima di metterci sopra la carne.

A seconda del taglio di carne e dei gusti degli invitati, decidiamo se procedere con una cottura al sangue o meno: possiamo spostare tutta la brace da un lato, in modo da poter gestire la griglia con diversi gradi di intensità di calore.

Per i tagli grandi, polli interi e costate spesse è perfetto il barbecue con coperchio, che crea un effetto forno.

Mi raccomando, usiamo le braci per cuocere patate e cipolle precedentemente avvolte in carta d’alluminio.

Pulire il barbecue

come-fare-una-grigliata-di-carne

Un’ultima piccola annotazione: la grigliata è andata benissimo, tutti hanno mangiato e gustato carne e verdure cotte alla perfezione.

Benissimo, non dimenticatevi però che alla fine della giornata bisogna pulire tutto: la nostra guida per pulire il barbecue potrebbe essere un valido aiuto per capire come lasciare la griglia al meglio, in modo da non intaccarne l’efficienza e trovarla già pronta per la prossima grigliata.

Oriana Davini
Giornalista specializzata in turismo con una passione per la cucina francese e i ramen giapponesi e una dipendenza conclamata per il gelato
https://lilimadeleine.com/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi