Cos’è lo skyr: il superfood islandese e come abbinarlo

Skyr

Denso e cremoso, molto nutriente, può essere gustato al naturale o con vari abbinamenti: lo skyr, il formaggio islandese che sembra yogurt ma non lo è, comincia ad apparire anche sugli scaffali dei nostri supermercati.

Cos’è lo skyr e differenze con lo yogurt

Cos’è lo skyr? E’ presto detto: è un formaggio fresco a base di latte vaccino acido, scremato e pastorizzato. E’ tipico islandese, si mangia in vasetto come lo yogurt greco, e viene impiegato anche per chi ha intenzione di portare avanti un regime nutrizionale più light.

Lo scoprii qualche anno fa durante il mio primo viaggio in Islanda, quando ancora non si trovava in Italia. Come sapore, è molto simile a uno yogurt greco compatto. Si trova al naturale, ma anche aromatizzato a vari gusti: vaniglia, frutta, ecc…

Skyr e craker ai semi: il mio pranzo “viaggiante” durante il mio ultimo viaggio in Islanda

E’ stato il mio migliore compagno di viaggio durante il mio secondo viaggio in Islanda, perchè durante gli spostamenti più lunghi tra una città e l’altra, o per picnic improvvisati in mezzo alla natura, lungo il Laugavengur hiking trail, tra i campi di fiori di cotone artico. Come ben saprete, in Islanda il costo del cibo è solitamente abbastanza caro. Quindi, un’alternativa sana ed economica per un picnic in viaggio è appunto la coppia skyr e craker islandesi, quelli con molti semi, croccanti, molto gustosi.

Il posto perfetto per gustare del morbido Skyr, tra i fiori di cotone

E’ stato bello tornare a casa dopo l’ultimo viaggio e trovare lo skyr al supermercato dopo pochi mesi, sintomo che sta prendendo piede anche in Italia tanto che viene prodotto anche qui, con ricetta tradizionale islandese e ingredienti italiani.

Un alimento dalle origini antichissime: come si fa

Lo skyr ha origini antichissime: già più di mille anni fa, infatti, era parte integrante della dieta dei primi insediamenti in Islanda. Inizialmente si preparava con latte di pecora o di mucca, ma dagli inizi del secolo scorsa si è cominciato a impiegare quasi solo il latte vaccino, visto che le pecore venivano allevate soprattutto per la carne.

La ricetta tradizionale è simile al procedimento per fare lo yogurt ma anche diversa e più complessa, con più passaggi e fermenti lattici diversi: il latte viene scaldato fino a 85°C per almeno 5 minuti in modo che i grassi e le caseine affiorino. A questo punto si aggiunge un poco di skyr rimasto dalla produzione precedente che come fermento, e il caglio di vitello, qper far coagulare bene la cagliata. Si lascia raffreddare il tutto, poi si separano per filtrazione siero e cagliata. Lo skyr tradizionale non viene pastorizzato, ma quello che troviamo in commercio si. I fermenti devono provenire da una lavorazione precedente di skyr e non dallo yogurt. Anche questo è un punto importante che lo differenzia dallo yogurt, visto che si impiegano appunto fermenti diversi.
Tradizionalmente (e anche oggi) era consumato come piatto unico.

Un superfood per la dieta

D’altronde, è un alimento molto interessante, per certi versi un superfood adatto anche per una dieta dimagrante o per uno sportivo: alto in proteine e povero di grassi, è un alimento quindi adatto per chi vuole mangiare nutriente ma senza appesantirsi.

Anzi, per essere precisi, in linea di massima lo skyr ha più proteine rispetto allo yogurt tradizionale e anche allo yogurt greco.

Rispetto allo yogurt quindi lo skyr apporta meno grassi e zuccheri. Davvero un alleato per mantenere la linea in una dieta equilibrata. Vista l’elevata presenza di proteine poi, ha anche un maggiore potere saziante. Consumato fresco, anche qui in Italia è un perfetto sostituto del pranzo al volo o per chi pratica sport.

Versatile in cucina: 10 idee per usare lo skyr nelle tue ricette

La cosa bella è che lo skyr è un alleato molto stimolante anche in cucina. Per certi versi lo preferisco allo yogurt. Per la sua cremosità e non eccessiva acidità. Immaginate tutte le cose che potete fare con lo yogurt greco in cucina, ecco, potete farle anche sostituendolo con lo skyr, con un risultato però a mio parere più rotondo e cremoso.

1 – Puoi impiegare lo skyr al posto dello yogurt per uno tzatziki cremosissimo e nutriente. Qui la ricetta:

2 – Puoi impiegarlo per insaporire con una cremosa salsa i tuoi piatti estivi a base di carne, come in questa ricetta di straccetti di vitello:

3 – Puoi usarlo con frutta fresca, semi e frutta secca, per una colazione super proteica.

Colazione proteica e nutriente con skyr e frutta fresca

4 – Prova a spalmarlo su pane integrale per un panino gustoso farcito con: salmone affumicato, oppure zucchine grigliate e menta e fettine di vitello grigliate

5 – Per insaporire un’insalata di pasta fredda: con pennette, olio d’oliva, pomodorini, zucchine e peperoni grigliati, menta, e un tocco di skyr per amalgamare il tutto.

skyr in cucina idee
Chicken rice cabbage cutlets on a wood background. toning. selective focus

6 – Per guarnire una frittata o una omelette, al termine della cottura, aggiungendo un cucchiaio di skyr al prodotto sul piatto.

7 – Come salsa per le polpette: al naturale, oppure aromatizzandolo con erba cipollina, prezzemolo, peperoncino, pepe, o l’erba aromatica dell’orto che preferisci. (qui invece trovi altri tipi di salse da preparare a casa:

8 – Lo skyr come dessert: usalo invece del solito formaggio fresco spalmabile ad esempio per preparare una cheescake.

9 – Nella zuppa. Un’usanza molto nordica: aggiungere una crema alla propria zuppa. Nei paesi dell’Est Europa spesso si usa la Smetana, la panna acida, oppure la panna normale. Oppure, lo Skyr appunto. Prova ad aggiungerlo a una vellutata di verdure, una crema di zucca, una zuppa di pomodoro.

10 – Per smoothies o frullati iperproteici. Metti nel tuo frullatore della frutta e dello skyr per cremosi smoothies. Se frulli piccoli frutti rossi, come lamponi o mirtilli, lasciali prima qualche ora nel congelatore: frullati così creeranno una morbidissima e soffice crema.

Alessandra Favaro
Giornalista e blogger. Scrivo di viaggi ed enogastronomia. Mi piace raccontare il legame che unisce cibo e territorio. L'assaggio di un prodotto tipico può raccontare molto di un luogo in cui nasce, più di una guida turistica a volte!
http://www.vaquelpaese.com

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi