La ricetta dell’arrosto di vitello del Ratanà

La ricetta dell’arrosto di vitello è una ricetta di famiglia che non può mancare nel repertorio gastronomico di ogni chef o cuoco casalingo. Non potete non avere una ricetta per l’arrosto di vitello che non sia la vostra preferita. In caso non l’aveste, credo che in questo articolo avete trovato l’arrosto di vitello del vostro cuore. È la ricetta dell’arrosto di vitello di Cesare Battisti, lo chef del ristorante Ratanà a Milano. Vi ho parlato molto del Ratanà perchè a Milano non c’è altro ristorante che abbia conquistato il mio cuore. In parte per l’atmosfera, in parte per l’impareggiabile cucina di Cesare. Dopo aver parlato di mondeghili, vitello tonnato e cotoletta, oggi scopriamo la ricetta dell’arrosto di vitello del Ratanà.

Ricetta arrosto di vitello

Leggi anche:

Federico Quaranta racconta l’arrosto di vitello insieme a chef Deg

Arrosto ti fotografo e ti posto: quattro modi di impiattare da vero chef

Guida al tuo arrosto di vitello strepitoso

Il taglio giusto per la ricetta dell’arrosto di vitello

Per iniziare con il piede giusto la ricetta dell’arrosto di vitello, bisogna scegliere il giusto taglio di carne. Lo chef Cesare Battisti in questo caso ci lascia una scelta: il taglio che scegliete dipende dai vostri gusti in fatto di carne. Se volete preferite un arrosto di vitello magro scegliete la lombata. La lombata è un taglio di vitello che viene ricavata dal quarto posteriore dell’animale. È certamente uno dei tagli di vitello più conosciuti e golosi. Oltre a essere uno dei tagli più pregiati. La lombata può essere preparata intera come in questo caso, o per preparare il roastbeef. Un altro celebre piatto che viene preparato con la lombata è la costata con l’osso per preparare la famosa costoletta alla milanese.

L’arrosto di vitello con lo scamone e il reale

Oltre alla lombata ci sono altri tagli consigliati dallo chef Cesare Battisti per preparare la sua ricetta dell’arrosto di vitello. Se volete un arrosto di vitello un po’ meno magro, potete optare per il reale di vitello o lo scamone. Il reale di vitello è un taglio goloso e versatile che si trova nella parte anteriore dell’animale. È perfetto per bistecche e scaloppine. La terza parte del reale, quella più grassa e perfetta per le lunghe cotture, è fantastica per preparare brasati, stufati e arrosti. Lo scamone è invece la parte migliore della coscia. Un taglio perfetto per le lente cotture perchè consente al grasso di sciogliersi e di bagnare la carne in modo che non si asciughi troppo.

Prova anche queste ricette:

Arrosto di vitello con pesto di pistacchi e funghi saltati

Girello di vitello arrosto con verdure disidratate, radici di prezzemolo e crema di zafferano

Noce di vitello arrosto con patate

Il contorno per l’arrosto di vitello: le patate novelle

Potete preparare un veloce contorno per questa ricetta dell’arrosto di vitello. Tutti sanno che non esiste arrosto di vitello senza patate, questa volta noi useremo delle patate novelle. Preparare le patate per l’arrosto di vitello è davvero molto semplice. Pulite bene le patate novelle e lasciatele con la buccia, poi fatele cuocere direttamente nella teglia dell’arrosto di vitello in modo che si cuociano con i sughi di cottura e diventino irresistibilmente buone. In alternativa potete accompagnare l’arrosto di vitello con delle cime di rapa.

Print Recipe
La ricetta dell'arrosto di vitello del Ratanà
Ricetta arrosto di vitello
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 1 ora
Porzioni
persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 1 ora
Porzioni
persone
Ingredienti
Ricetta arrosto di vitello
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Istruzioni
  1. Legate la carne e sistematela su una teglia da forno, ungetela, aggiungete olio e sale e quindi riponetela nel forno già caldo a 240° in modo che in pochi minuti si sigilli all’esterno e prenda un bel colore dorato.
  2. Durante questo lasso di tempo, girate spesso il pezzo di vitello in modo che si rosoli bene in modo uniforme da ogni lato, girandolo con un cucchiaio di legno o una spatola, facendo attenzione a non bucare la carne.
  3. Aggiungete le verdure tagliate a pezzi grossolanamente, bagnate con il mezzo bicchiere di vino bianco e continuate la cottura a 160° per circa 1 ora, 1 ora e mezza (a seconda del pezzo di carne scelto).
  4. A cottura quasi ultimata, adagiate la salvia e il rosmarino nella teglia, possibilmente nel liquido di cottura che si sarà formato intorno alla carne e portate a fine cottura.
  5. Se volete, potete preparare anche un facile contorno di patate.
  6. Insieme all’arrosto quindi, cuocete le patate novelle piccole e con la pelle direttamente nella teglia in modo che assorbano il sugo dell’arrosto.
  7. A cottura ultimata, lasciate da parte le verdure, filtrate il sugo e fatelo restringere in padella di un terzo, in modo che acquisti la sua classica densità. Infine, regolate di sale e pepe e servite caldo con le patate in accompagnamento.
Condividi questa Ricetta
Francesca Sponchia
Collezionista di grassi saturi e attivista per i diritti civili del burro. Rabdomante di piatti perfetti nei menu' dei ristoranti, nel tempo libero mangio ravioli crudi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi