Non ho potuto resistere. Ho comprato la prima pianta di basilico

Ormai lo avrete capito. Faccio una gran fatica a resistere alle tentazioni. Anzi, diciamocelo, non resisto quasi mai! Il fatto è accaduto stamattina. La pianta di basilico mi ha chiamato. Ha urlato a gran forza, con tutta la voce delle verdi foglioline: “comprami, comprami, comprami”. E come potevo lasciarla lì, abbandonata a sé stessa? E poi il mio davanzale reclamava un po’ di vita! Così al primo cenno d’arrivo della tentazione ho immediatamente ceduto. Ma proprio senza neppure tentare un lontano sforzo di volontà.

E mi sono incamminata verso casa fiera, orgogliosa, entusiasta con la mia pianta di basilico tra le mani.

In fondo mi accontento con poco!

pianta di basilicoKit di sopravvivenza di una pianta: come conservare il basilico

No, adesso non ditemi che non avete il pollice verde… per tenere in vita più a lungo una pianta di basilico nel vaso, basta avere qualche accorgimento:

  • Primo: trapiantatelo in un vaso di terracotta mettendo alla base un sottile strato di argilla (la trovate in qualunque supermercato)
  • Secondo: occhio all’acqua! Non fate i benefattori dei terreni aridi; l’acqua deve essere poca, quanto basta perché il terreno sia umido e non inzuppato.
  • Terzo: adesso è ancora il momento un cui il basilico deve stare in casa e allora, posizionatelo alla luce. In primavera, quando le temperature saranno più alte , lo potrete spostare in balcone e allora dovrete trovare un angolo ombreggiato.

Leggi anche: Come realizzare il tuo orto fai da te

E così il basilico è diventata la prima pianta aromatica della stagione ad abitare la mia casa. Quando poi sarà il momento diventerà un’intera aiuola del mio giardino e quando il basilico sarà cresciuto inizierà la mia produzione di pesto e… ok, avete ragione, mi fermo. Torniamo al basilico. In cucina io lo uso molto. Lo metto un po’ ovunque: sulla pizza, su un semplice piatto di spaghetti al pomodoro o con olio e parmigiano, nell’arrosto, nell’insalata e lo mangio anche da solo, semplicemente lavando e asciugando le foglie strappate direttamente dalla piantina. Con il basilico mi faccio anche una delle mie tisane preferite: nel filtro, mescolati ai fiori di camomilla, aggiungo qualche fogliolina. Provate! Il profumo sarà strepitoso, la cena si digerirà e il sonno migliorerà!

Basilico: le proprietà

Il basilico, infatti, ha tantissime proprietà: è un eccellente digestivo, è un antispastico, è ottimo per chi soffre di cattiva digestione e per chi ha problemi di artrite. Inoltre rafforza il sistema nervoso, placa l’ansia, allevia l’insonnia e aiuta quando si ha la tosse. È ricco di vitamina B6, calcio e magnesio.

Storia e curiosità sul basilico

E poi ci sono la storia e le leggende che ruotano attorno alla pianta di basilico. sapevate, ad esempio che la chiamano anche pianta del re. Perché? Il nome che deriva dal greco “basilikos”, cioè erba degna di un re. E che fu l’imperatrice Elena a diffonderlo in tutto il mondo? E che  nacque in India e ha viaggiò verso il mondo Occidentale grazie ai mercanti arabi di spezie? Pensate addirittura che Greci e Romani erano convinti che per far crescere bene una piantina di basilico fosse necessario inseminarla recitando ad alta voce insulti e maledizioni (ops… lo faccio anche io, ma non volutamente quando mentre semino combino qualche pasticcio!)

Ricette con il basilico

Profuma, fa bene e dà gusto. Il basilico è davvero il tocco in più per le nostre ricette. Per prima cosa, ovviamente con il basilico si prepara un grande classico della cucina ligure: sua maestà il pesto.

La ricetta del pesto genovese

Ingredienti:

  • 4 mazzi di basilico genovese dop
  • 40 gr di parmigiano
  • 20 gr di pecorino sardo
  • una manciata di pinoli
  • due spicchi di aglio di Vessalico (presidio Slow Food)
  • sale grosso
  • olio extravergine di oliva Riviera Ligure DOP;

Preparazione:

  • Lavate e fate asciugare le foglie di basilico, facendo attenzione a non schiacciarle.
  • Mettete l’aglio e qualche grano di sale grosso nel mortaio di marmo o di pietra, e pestate con un “pestello” di legno di ulivo; aggiungete le foglie asciutte del basilico, i pinoli, e i due formaggi grattugiati.
  • Lavorate il tutto sino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Diluite con olio versato a filo.
  • Versate in una terrina e con un cucchiaio di legno amalgamate con il restante olio.

Ma il pesto non è l’unica ricetta con il basilico. Eccone alcune proposte dagli chef e blogger amici di Sfizioso e che potete provare a fare anche a casa:

Non vi resta che andare a comprare la vostra bella pianta di basilico, anzi più di una. Così darete un tocco di colore e di profumo alla casa, oltre ad avere un grande alleato in più per i vostri piatti.

Potrebbero interessarti anche...

One thought on “Non ho potuto resistere. Ho comprato la prima pianta di basilico

Lascia un commento

Top

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in sfizioso.it acconsenti al loro uso. Informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi